[[quoteright:228:http://static.tvtropes.org/pmwiki/pub/images/stereotipi-animali_1849.png]]
[[caption-width-right:228:Indovina chi?[[note]][[It/{{Futurama}} Zoidberg (polpo)]], [[It/{{Bleach}} Gin Ichimaru (volpe)]], [[It/{{Fantazoo}} Alvaro (bue)]], [[It/ICavalieriDelloZodiaco Aiolia (leone)]], [[It/DragonBall Genio delle Tartarughe (tartaruga)]], [[It/HarryPotter Voldemort (serpente)]], [[It/{{Batman}} Catwoman (gatto)]], [[It/LaSpadaNellaRoccia Anacleto]] [[It/CapitanOvvio (gufo)]], [[It/WolfsRain Kiba (lupo)]][[/note]]]]

->''"It/ICaniSonoStupidi e ti correranno allegramente intorno con della carta igienica nella bocca, ma i gatti sono sempre "calcolatori"... Ti fanno credere di possedere tutte le ricchezze di questo mondo mentre in realtà potrebbero lasciarsi morire di fame se non dai loro un barattolo di genitali animali tritati. [[It/IGattiSonoCrudeli Bastardi]]."''
--> Sono Solo Io O Tutto Quanto È Merda?

Vuoi un modo semplice per mostrare che il tuo personaggio è leale? Rendilo un cane! Vuoi che il tuo personaggio femminile risulti grazioso, ma son sai come mostrarlo? Rendilo una gatta!

Un modo veloce di caratterizzazione è comparare in qualche modo il personaggio con una specie animale sulla quale l'umanità comunemente proietta certi tratti antropomorfi di personalità. Questo può essere ottenuto in diversi modi:

#Rendere realmente il tuo personaggio quell'animale.
#Rendere il personaggio un [[It/AnimaleBuffo animale antropomorfo]], talvolta con la spiegazione che [[It/GerbilloIntelligente esso è in realtà una razza aliena che per coincidenza condivide tutti i suoi tratti con un animale terrestre.]] (Qui puoi tirare fuori la "evoluzione parallela").
#In alternativa, dargli semplicemente [[It/UmaniDaZoo alcuni dei tratti]] dell'animale in questione.
#Avere un personaggio con [[It/ConvenzioniDellaTrasformazione l'abilità di trasformarsi nell'animale in questione]].
#Avere un personaggio a cui è stato misticamente rivelato che la sua "[[It/LeNostreAnimeSonoDifferenti anima]]" è quella dell'animale in questione.
#Semplicemente avere persone che per caso lo confrontano ripetutamente con l'animale.
#Dargli un [[It/AnimaleDelGruppo animale da compagnia complementare]] che sia di quella specie.
#Dargli un disegno che sia [[It/MotiviAnimali evocativo di quello dell'animale]].
#Dargli un [[ThemeNaming nome tematicamente appropriato]].

I rispettivi animali seguono frequentemente le regole dettate da It/QuantoContaUnNonBello. Alcuni vengono in prevalenza rappresentati nel ruolo di protagonisti e/o di eroi; altri sono più spesso mostrati come cattivi e/o antagonisti; altri ancora appaiono più come [[It/{{Cazzuto}} cazzuti]] che come veri "cattivi"; e infine molti animali non corrispondono a nessuna delle caratterizzazioni sopra, ma possono comunque essere mostrati con dei tratti loro propri.

Rispetto alla [[AnimalStereotypes pagina inglese]], qui facciamo un discorso più ampio e generale, che riguarda il modo in cui i tipi animali comunemente conosciuti vengono rappresentati nei prodotti non-scientifici, tra cui anche il modo di disegnarli nei cartoni animati; anche questo aspetto in fondo fa parte integrante dello stereotipo di un animale (ad esempio, elefanti e orsi vengono spesso disegnati molto più "obesi" delle loro [[It/VitaReale versioni reali]], per [[It/RegolaDelFigo finalità comiche]]).



'''[[foldercontrol]]

[[folder: NOTA BENE ]]
''': come ci ricorda il titolo di questo tropo, le seguenti descrizioni sono solo [[ExactlyWhatItSaysOnTheTin stereotipi]], non i ''reali aspetti'' della vita di questi animali, come qualunque zoologo ti dirà appassionatamente. Se vuoi conoscere davvero qualcosa di più obiettivo sul comportamento delle specie prese in esame, ''non prendere alla lettera [[It/TempestaDiCliche quello che stai per leggere]]'' (OK, forse per te è una cosa già scontata, ma...)


[[folder:Mammiferi erbivori]]
* '''Cavalli''': Storici compagni dei viaggi e delle avventure umane, i cavalli sono tra i pochi mammiferi erbivori che vengono frequentemente usati come eroi nelle storie di animali; sono simboli di eleganza, di orgoglio e di nobiltà, ma al tempo stesso tenaci e resistenti lavoratori, citati anche per la fedeltà al loro padrone. Tuttavia, l'idea di nobiltà può essere anche interpretata come futile vanità e boria. Nonostante ciò, i cavalli realmente umanizzati sono molto pochi in finzione; molto più frequenti quelli usati come semplice cavalcatura. In questi casi possono però parlare o quanto meno manifestare al pubblico i loro sentimenti, come ''Jolly Jumper'' di ComicBook/LuckyLuke o ''Spirit''. Esistono anche stereotipi più specifici per le diverse categorie di "cavallo". Gli stalloni sono spesso definiti come "virili"; i cavalli da corsa enfatizzano l'ardore e il coraggio, quelli da tiro la forza e la resistenza; mentre i pony tendono ad essere più dolci e grandi amici dei bambini. I cavalli di colore bianco possono anche rappresentare purezza. I cavalli selvaggi, infine, possono essere presi come simboli di fierezza indomabile; tipicamente mostrati nei rodei. Nei cartoni, i cavalli (e gli altri equini) vengono spesso disegnati con incisivi enormi e sporgenti, forse per finalità comiche.

* '''Asini''': La versione più umile dei cavalli. Nella It/VitaReale sono sempre stati apprezzati per essere grandi lavoratori, frugali nel mangiare, obbedienti, tenaci e resistenti alla fatica; in alcune storie sono capaci di vedere la verità invisibile, forse da una storia biblica. L'altro classico ritratto degli asini li vuole tanto cocciuti da rasentare la stupidità; fin troppo noto l'uso che se ne fa o se ne faceva nelle scuole... Può sembrare sorprendente, ma gli asini in realtà sono animali molto intelligenti, anche più dei cavalli. La tradizione cristiana li associa a Gesù Cristo; nei presepi il nostro amico tiene caldo il bambinello con il suo respiro insieme con il bue.

* '''Muli''': Confusi con gli asini: quindi ne rispecchiano i clichè, ma con un'enfasi ancora maggiore sulle idee di caparbietà e di resistenza alla fatica. Sono tipicamente collocati in ambienti montani. Essendo un incrocio non fertile tra un asino e una cavalla, possono anche esser presi come simbolo di sterilità o di un unione "innaturale" tra due partners. Non aspettatevi invece di vedere i "bardotti", ossia gli incroci (anch'essi sterili) tra il cavallo e l'asina; può essere giustificato, poichè sono molto meno comuni nella It/VitaReale rispetto ai muli.

* '''Tori''': Storici simboli di forza e virilità. I tori dei cartoni animati sono normalmente dei tipi ottusi, irascibili e inutilmente aggressivi, e andranno su tutte le furie ''ogni volta'' che vedono qualcosa di color rosso (tuttavia i [[It/VitaReale veri]] tori vedono solo in bianco e nero, quindi non possono nemmeno arrabbiarsi per qualcosa che non possono vedere...). Hanno anche certi atteggiamenti tipici, come sbuffare dalle narici e raspare il terreno con una zampa. Avranno un anello al naso, e verranno disegnati [[It/PortatoAllEstremo molto più muscolosi]] di quelli reali. Sono quasi sempre di colore scuro o nero, [[It/LogicaDaFrigo a differenza delle mucche]] (vedi sotto). I tori sono naturalmente i grandi protagonisti delle corride; l'attuale polemica su questo tipo di "spettacolo", tuttavia, fa sì che sempre più spesso vengano ritratti come vittime innocenti della [[It/GliUmaniSonoBastardi nostro insano desiderio di divertimento]].

* '''Buoi''': Chi è il maschio della mucca, il toro o il bue? Molto semplice: se hai gli attributi sei un toro, e se te li hanno tolti nell'infanzia sei un bue... L'immagine dei buoi è quasi opposta a quella dei tori: lenti, pazienti, obbidienti e grandi lavoratori, ma sciocchi e privi di una propria personalità; spesso dipinti con un'aria sonnolenta. Tendono ad essere più obesi dei tori e delle mucche; rimanegono però dei gran forzuti, e di solito trainano pesanti carri. Anch'essi, come gli asini, riscaldano Gesù bambino con il loro fiato nel presepe.

* '''Mucche''': L'animale della fattoria per eccellenza: eppure, sono pochissime le mucche antropomorfe in finzione (oltre a Clarabella ne conoscete delle altre?), e vengono di solito rappresentate in maniera realistica; pascoleranno tranquille nei prati, oppure stanno ferme e pazienti mentre il contadino le munge a mano (un'immagine bucolica ormai in via di estinzione nelle campagne della It/VitaReale). Quando si attribuisce loro una personalità, le mucche saranno dolci, affabili e un po’ sciocche, [[It/CaratteriSessualiTerziari con lunghe ciglia]] che addolciscono il loro aspetto; spesso tengono un fiore in bocca. Nella pubblicità sono classicamente mostrate assieme ai bambini, per via dell'ovvia associazione con il latte; se antropomorfe, potranno essere bambinaie o o bidelle in scuole materne. Tuttavia, le mucche umanizzate possono apparire un poco volgari se osservate con occhi adulti, [[It/SfortunateImplicazioni per via delle loro prominenti mammelle....]] Quelle più realistiche sono di solito modellate sulla razza Frisone o su quella Alpina, quindi saranno pezzate di bianco e di nero oppure di bianco e di marrone. E non aspettatevi che vengano chiamate ''vacche'', tranne quando sono sacre e vivono in India; per i pignoli, è "vacca" e non "mucca" il nome corretto della femmina adulta dei bovini. Ma forse è ritenuto [[It/GuardianiMorali troppo poco conveniente...]]

* '''Pecore''': Uno degli animali storicamente più importanti per l'uomo, la pecora è comprensibilmente uno di quelli più caricati di significati simbolici. Il ritratto più comune le vuole passive e prive d’intelligenza, sono prone a soffrire della “mentalità del gregge” e obbediscono ciecamente all’autorità; anche timide e paurose. Sempre in compagnia dei loro simili, così che detestano l'idea di rimanere sole. Sempre bianche; se nere, allora vuol dire che spiccano negativamente nel gruppo. Se hanno un nemico specifico, allora sarà sempre il [[It/LupoCazzuto Lupo Cattivo]]. I montoni tuttavia sono dipinti come coraggiosi, testardi e sempre pronti a difendere il loro gregge. Nella tradizione cristiana le pecore hanno un ritratto più positivo, e simboleggiano la fede e la semplicità. Gli agnelli, poi, sono storici simboli di innocenza e castità spirituale, per via della vecchia tradizione ebraico/cristiana di usarli come animali sacrificali; anche associati con la primavera.

* '''Capre''': Le capre hanno una simbologia molto complessa e variabile. Spesso utilizzate nelle religioni pre-cristiane come modello per divinità mezze umane come i satiri; il cristianesimo le ha spesso "demonizzate" (il Satana con corna e piedi di capra), o associate alla lussuria e alla sporcizia (non è vero che tutte le capre puzzano: solo i maschi possono emettere cattivo odore, e non per "sporcizia", ma perchè hanno delle ghiandole attive nel periodo riproduttivo). Nei moderni cartoni animati le capre sono spesso dolci e gentili, note come scalatrici dal piè sicuro; spesso messe in sereni paesaggi alpini insieme con le mucche. Come le pecore sono di solito dipinte di bianco, ma possono anche venire colorate diversamente. Avranno anche un appetito onnivoro, e mangeranno le cose più indigeste, in particolare la carta, ma anche il legno: naturalmente causeranno guai se mangiano qualcosa di importante per gli umani. I maschi ("capri" o "becchi") tendono ad essere mostrati in modo simile ai montoni, come testardi e coraggiosi. Infine, le capre possono anche essere definite come stupide[[note]]A questo punto noterai che la storia dello "stupido" tende ad essere attribuita un po' a ''tutti'' gli erbivori domestici (esclusi il cavallo e in parte il maiale), per non parlare degli uccelli da cortile come galline e oche: insomma, a tutti gli animali domestici allevati per la carne. Alcuni animalisti [[It/SupposizioniDiMassaSelvagge sostengono]] che si tratta di una faccenda psicologica: vogliamo rimuovere dalla coscienza i sensi di colpa dovuti al fatto che li sfruttiamo, e quindi diciamo "ah, ma [[It/TroppoStupidoPerVivere tanto sono stupidi e non si rendono conto del trattamento che riserviamo loro]]". Notate che nella It/VitaReale i mammiferi d'allevamento e gli uccelli da cortile ''non sono inferiori'' agli altri mammiferi e uccelli come sviluppo del cervello: forse ci sembrano "ottusi" solo perchè hanno un'indole più tranquilla dei loro cugini selvatici, e quindi la gente scambia la loro mansuetudine per stupidità?[[/note]]

* '''Maiali''': Uno degli animali maggiormente citati nel linguaggio comune, di solito a sproposito. Sono da sempre associati alle idee di ingordigia, sudiciume, lussuria, vita dissoluta, e nel caso più estremo, possono persino esser presi come emblema della corruzione morale dell'intera umanità (qui in Italia sono stati addirittura incorporati nel linguaggio blasfemo). I maiali dei cartoni tendono comunque ad essere benevoli. E ovviamente saranno ''[[It/RicercaNonSvolta sempre rosa]]''. Spesso sono anche mostrati come tipi intelligenti, e molti di loro fanno da spalla ai protagonisti: a volte sono "spalle comiche", a volte sono saggi e assennati. Naturalmente aspettatevi qualche riferimento al loro destino di "animali da carne". Sono anche presi anche come simbolo di bruttezza; es. Maga Magò nella ''Spada nella Roccia'' ("tu credi che non possa diventare ancora più brutta??" e la sua faccia si tramuta in maiale...). Nella It/VitaReale i maiali sono tra gli animali domestici più intelligenti e sono facilmente addestrabili dall'uomo per vari compiti, tanto da essere buoni sostituti dei cani. E se si dà loro la possibilità, sono ''molto puliti'': anzi, se si rotolano nel fango è proprio per togliersi di dosso i parassiti rimanendo così in salute. E poi sono molti gli erbivori selvatici che hanno la stessa abitudine (elefanti, bufali, anche i cervi), ma questo non lo verrete mai a sapere dalla TV, a meno che non guardiate qualche documentario.

* '''Cervi / Daini''': Uno degli esempi più clamorosi di clichè originatosi da una singola apparizione nei media moderni. Tradizionalmente i cervi sono stati dipinti come i "re della foresta", nobili e orgogliosi (è raro che un non-predatore venga associato all'idea di nobiltà), noti anche per i loro sensi acuti e l'agilità nel salto e nella fuga; oppure, in alternativa, come tipi stupidi, codardi e inutilmente vanagloriosi. Lo straordinario successo del [[It/{{Prototropo}} film disneyano Bambi (del 1942)]] li ha fatti diventare di colpo simboli di dolcezza e innocente fragilità, e un'icona della natura intesa in modo idilliaco. Addirittura Bambi nel parlare corrente è divenuto sinonimo di cerbiatto. È interessante il fatto che il Bambi originale (quello del romanzo) era un capriolo, la specie più piccola dei cèrvidi europei: WaltDisney lo trasformò in un'altra specie, il "cervo virginiano" (il cervo più comune in Nordamerica, quindi più familiare al pubblico statunitense). Qui in Italia però il Bambi disneyano è stato erroneamente identificato come capriolo; e siccome noi spettatori ci ricordiamo di Bambi soprattutto quando era cucciolo, abbiamo finito per far diventare il "capriolo" [[It/RicercaNonSvolta un semplice sinonimo di "cerbiatto"]] (il termine ''corretto'' per i piccoli di cervo). Capita anche di confondere Bambi con il daino (un'altra specie europea di cèrvide), perchè il daino [[It/VitaReale reale]] conserva anche da adulto il mantello macchiettato di bianco. Insomma, c'è una grande confusione a proposito di cervi nella cultura popolare: di fatto, l'unico "cervo" europeo in senso stretto è un animale molto grande e robusto, alto ''quasi quanto un cavallo'' e che pesa fino a 300 chili: un animale molto diverso dai cervi che solitamente vediamo in TV, che sono normalmente imitazioni del Bambi originale. Invece gli Alci e le Renne, anch'essi della famiglia dei Cervidi, siccome sono facili da riconoscere non vengono di solito confusi con i loro parenti, e hanno un ruolo distinto nelle storie (vedi sotto).

* '''Alci / Renne''': A parte i cervi e pochi altre eccezioni, gli ungulati selvatici di solito vengono rappresentati in maniera realistica, e non si attribuiscono loro dei tratti di personalità propri. Gli alci possono essere interpretati come rudi, forti e solitari abitatori del Nord, e alcuni cartoons USA li ritraggono come tipi tranquilli e un po' ottusi. I maschi, con le loro enormi corna, saranno il trofeo per eccellenza dei cacciatori nordici. Se invece vedete delle immagini di renne, saranno quasi certamente le renne volanti che trainano la slitta di Babbo Natale (anche se oggi questa immagine viene spesso vista in chiave ironica o sovvertita in vario grado).

* '''Stambecchi / Camosci''': Non compaiono mai nei prodotti USA perchè sono animali esclusivi dei paesi europei con alte montagne (Italia, Svizzera, Francia, Germania ecc., ma non la Gran Bretagna). Noti per essere agili scalatori di rupi scoscese (anche se nella It/VitaReale passano più tempo nei pascoli sottostanti), "signori delle alte vette". Si tende ad associar loro i tratti caratteriali classicamente attribuiti alle popolazioni alpine: quindi, appariranno come resistenti alle difficoltà e amanti della solitudine. Gli stambecchi sono noti anche per le loro enormi corna.

* '''Gazzelle / Antilopi''': La preda per eccellenza del leone e delle altre belve. Il loro clichè è simile a quello dei cervi, e vengono considerate la loro versione esotica; quindi, saranno gracili e indifese, sempre all'erta e pronte alla fuga. Note anche per la loro leggerezza, la grazia nel salto, e i grandi occhi espressivi. Ma nella It/VitaReale questa immagine corrisponde solo alle specie più piccole e snelle (genericamente dette "gazzelle"): le antilopi più grandi possono pesare oltre 300 chili e hanno un aspetto più It/{{Cazzuto}}.

* '''Gnu''': Nonostante siano gli erbivori più abbondanti dell'Africa nella It/VitaReale, gli gnu vengono rappresentati raramente nelle storie ambientate nel continente nero; quando appaiono, di solito saranno realistici (es. nel Re Leone). Anch'essi, come le gazzelle, vengono citati per essere una classica preda dei grandi carnivori. Ma aspettatevi che vengano scambiati per bovini selvaggi, anche se nella realtà sono classificati tra le antilopi.

* '''Bisonti / Bufali''': Versioni più grandi e selvagge dei tori: possenti, coraggiosi persino di fronte ai nemici più pericolosi, ma si arrabbiano per un nonnulla. Aspettatevi che i termini "bisonte" e "bufalo" vengano usati indifferentemente per indicare qualsiasi bovino selvatico (o altro animale dalla forma di bovino, come il "bue muschiato" o naturalmente lo gnu). I bisonti americani sono sempre immancabilmente associati al Far West e ai pellirosse. Questi ultimi nei westerns classici eseguono delle vere stragi di "bufali" (mentre nella It/VitaReale furono i coloni bianchi i veri autori di questi stermini).

* '''Cinghiali''': Sono forse gli unici erbivori selvatici ad essere regolarmente rappresentati nel ruolo del It/{{Cazzuto}}, e hanno un'immagine molto diversa da quella dei loro discendenti maiali. Saranno virili, coraggiosi e testardi, e benchè possono avere un animo semplice e concepire il combattimento solo come autodifesa, diverranno estremamente duri e pericolosi se li si stuzzica; e naturalmente gratteranno il terreno e sbufferanno dalle narici proprio come i classici tori. Di solito presentati in maniera realistica; i cinghiali antropomorfi tendono a interpretare ruoli di antagonista, costituendo un'eccezione a It/IlDilemmaDelCarnivoro che vuole gli erbivori come eroi o come "prede prescelte" dei carnivori. Non aspettarti che vengano rappresentati i cuccioli, nonostante il loro mantello a strisce li renda tra i più graziosi. I cinghiali del mondo reale possono essere aggressivi, ma non sono particolarmente pericolosi rispetto agli altri erbivori selvaggi; e benchè questo fatto venga ricordato raramente, nelle foreste hanno un ruolo ecologico molto importante. Sono frequentemente rappresentati nella mitologia dell'Europa antica, un fatto rispecchato dal fumetto di Asterix.

* '''Zebre''': Il loro mantello a strisce bianche e nere le rende uno degli erbivori africani per eccellenza. Ricordano un po' i cavalli selvaggi e un po' le antilopi; dunque saranno veloci nella fuga ma preparate a difendersi se necessario. A volte le si sente nitrire come i cavalli, ma nella It/VitaReale emettono un verso più simile a quello dell'asino. Possono essere anche cavalcate in finzione, cosa impossibile nella It/VitaReale (se vedi delle zebre con un umano seduto sopra, in realtà sono semplici cavalli bianchi dipinti con strisce nere: se guardi la loro coda attentamente ti accorgerai del trucco...)

* '''Giraffe''': Nella It/VitaReale la giraffa è un animale che ha sempre suscitato la curiosità della gente; ''ogni'' zoo della finzione avrà almeno una giraffa, insieme con il classici elefante e leone. Come altri animali famosi soprattutto per l'aspetto, le giraffe non hanno di solito una personalità propria nelle storie, ma si tende piuttosto a sfruttare le loro caratteristiche fisiche in situazioni comiche (ad esempio i colli di due giraffe potranno rimanere attorcigliati tra loro). È un classico quello di esagerare la lunghezza del loro collo, e di accorciare le zampe per far risaltare ancora di più il collo; in generale le giraffe tendono di solito ad essere disegnate in modo molto approssimativo. Possono comunque essere presentate come eleganti e compassate signore della savana, anche se un po' goffe e con un aria intontita, sono di solito femmine e, analogamente alle mucche, disegnate con lunghe ciglia; mentre non sono mai rappresentate come i [[It/{{Cazzuto}} cazzuti]] che possono essere nella realtà (i leoni le attaccano molto raramente perchè corrono il rischio di rimanere uccisi dai loro potenti calci).

* '''Cammelli / Dromedari''': Gli animali deserticoli per antonomasia. Soprannominati “navi del deserto”, sono descritti come lavoratori tenaci, caparbi e resistenti, e avranno il classico sguardo "indifferente". Di solito associati ai paesi arabi, ma nel mondo reale vivono anche altrove, per esempio in Kenya, in Mongolia e persino in Australia. Sono anche figure tipiche del presepe. Proverbiali per la loro capacità di resistere giorni senza bere (ed è vero), grazie alle loro riserve d’acqua (che non possiedono nella realtà). Ricorda che la gobba/le gobbe dei cammelli contengono grasso, non acqua! Aspettatevi anche di vedere qualche gag con protagonista la loro gobba/le loro gobbe (ad esempio, potranno gonfiarsi o sgonfiarsi come palloncini, spruzzare acqua a mo' di zampillo, oppure potranno averne ''tre''). E non è un errore chiamare "cammello" il dromedario come molti pensano: gli esperti ci dicono che il termine "cammello" può benissimo indicare entrambi gli animali.

* '''Lama''': Sono un po' le versioni andine dei cammelli, e si tende a rappresentarli in modo simile. Sono divenuti proverbiali per la loro abitudine di sputarti addosso se li provochi (in realtà si "sputano" soprattutto tra di loro, durante il periodo degli amori). Inseparabili compagni dei It/{{Mayincatechi}}. Gli Alpaca e le Vigogne, le poche volte che appaiono, verranno di solito [[It/RicercaNonSvolta chiamate Lama]].

* '''Ippopotami''': Sono tra gli animali più utilizzati nei prodotti per i bambini, forse per via dei loro tratti facciali che li fanno apparire sorridenti e benevoli. Di solito sono tranquilli giganti del fiume, ghiottoni e inclini a sbadigliare per la noia (nella realtà lo "sbadiglio" è un segno di minaccia). Il clichè tuttavia può essere sovvertito, allora non la passerai liscia se decidi di provocarli. Sono anche umanizzati in donzelle grasse, di solito danzatrici in tutù, per finalità comiche. Ma nella vita reale gli ippopotami [[It/SeNeSonoProprioFregati sono tra gli animali più aggressivi e pericolosi]] dell'Africa. Nei fumetti, i loro canini appaiono ''sempre corti, ottusi e cilindrici'', mentre nella realtà sono vere e proprie zanne lunghe e affilate.

* '''Rinoceronti''': È uno di quegli animali che ha cambiato immagine in tempi moderni (come la tigre, il lupo, la balena ecc). Un tempo i rinoceronti erano descritti come ottusi e irascibili, incredibilmente pericolosi e reattivi a ogni minima provocazione; frequenti in scene di caccia grossa nei vecchi film, nei cartoni animati possono interpretare il ruolo di teppisti muscolosi. Il fatto che oggi siano in via d'estinzione, tuttavia, li fa sempre più spesso descrivere come giganti innocenti vittime della [[It/GliUmaniSonoBastardi crudeltà umana]]. Buoni o cattivi, comunque saranno sempre dei tipi [[It/{{Cazzuto}} cazzuti]], anche se di solito tendono a caricare alla cieca, e quindi sono facili da "sconfiggere". Spesso vengono associati all'idea di preistoria, per via della loro somiglianza con certi dinosauri. Un errore comune è di disegnare i rinoceronti africani [[It/RicercaNonSvolta con un solo corno]] invece di due (perchè così è più semplice disegnarli).

* '''Elefanti''': Ecco i giganti per eccellenza del mondo animale (superati però da molti animali marini o preistorici). Pochi altri animali colpiscono il nostro immaginario quanto gli elefanti, con la loro immensa forza unita ad una grande intelligenza e a una capacità quasi umana di manipolare gli oggetti con la proboscide. Insomma, si prestano ottimamente ad essere umanizzati, e sono tra i pochi erbivori ad essere regolarmente usati come protagonisti, insieme con come i cavalli. Gli elefanti umanizzati vengono presentati in vario modo. Possono essere saggi e amanti della cultura; possono essere timidi e sensibili a dispetto della mole; possono enfatizzare le idee di regalità e maestà (molti si chiedono perchè il leone sia considerato il Re degli Animali e non l'elefante); e naturalmente hanno una memoria "[[It/EsattamenteComeDiceLEtichetta da elefante]]". Comunque, di solito benevoli (sebbene [[It/TropoSovvertito elefanti cazzuti]] non sono rari). È un classico quello di contrapporre l'elefante con il topo, l'animale piccolo per antonomasia: un clichè un po' troppo abusato (e del tutto infondato) è quello dell'elefante che si terrorizza immediatamente alla sola vista di un minuscolo topolino (forse Dumbo è l'It/{{Prototropo}}). E nella It/VitaReale? Nella vita reale gli elefanti sono creature molto complesse: sono davvero molto intelligenti e sensibili (pensate che "visitano" i loro morti proprio come noi!), ma ciò non impedisce loro di essere coraggiosi; inoltre, quando sono in preda del "musth" (sorta di eccitazione sessuale), possono diventare estremamente aggressivi. I disegnatori sembrano divertirsi un mondo a rappresentarli molto più corpulenti di quanto non siano in realtà, e con ''orecchie rosa''. E faranno un gran fracasso quando camminano, e travolgeranno tutto quello che incontrano. Ma nella It/VitaReale i loro passi sono molto silenziosi grazie agli spessi cuscinetti sotto i piedi che attutiscono l'impatto; e chiunque abbia visto qualche documentario sa bene quanto possono essere delicati nei loro atteggiamenti. Aspettatevi sentirli barrire e solo barrire, anche se nella realtà emettono una quantità infinita di suoni diversi (tra i quali una sorta di ruggito); aspettatevi anche che usino le loro proboscidi come "trombe" letterali nei cartoons, o anche come ''cannucce per bere l'acqua'' (nella realtà versano sempre l'acqua in bocca dopo averla aspirata con la proboscide). O ancora, le useranno per spruzzarsi l'acqua addosso o ai compagni (quest'ultima cosa invece è [[It/VeroInTelevisione Vera In Televisione]]). Nonostante l'elefante africano goda di maggiore popolarità nella It/VitaReale, gli elefanti "generici" da cartoon assomigliano di più a quelli asiatici, ''anche quando sono collocati in Africa'': in questo caso, avranno le orecchie enormi dell'africano [[It/CreaturaMischiaEAbbina ma la forma del corpo tipica dell'asiatico]]. Volete far sembrare il vostro elefante più vecchio? Nessun problema: aggiungetegli del pelo e attorcigliategli le zanne, ed ecco un bel [[It/ISolitiDinosauri mammut]].
[[/folder]]

[[folder:Mammiferi carnivori]]
* '''Cani''': La versione positiva degli animali da compagnia: [[It/CompagnoCanino simboli di fedeltà]], "Migliori Amici dell'Uomo". Tipicamente amichevoli, possono anche essere presentati come [[It/ICaniSonoStupidi non troppo svegli]], ma [[It/IlNasoNonMente hanno sempre un eccellente fiuto]]. Possono anche dimostrarsi troppo preoccupati per il loro “territorio”, e piace loro seppellire le ossa (per poi perderle di sovente). Questo in generale: le varie razze, o meglio gruppi di razze, hanno [[It/StereotipiCanini i loro propri stereotipi caratteristici]]. I piccoli cani da compagnia dal pelo lungo vengono spesso mostrati come snobistici e schifiltosi (in particolare i Barboncini, in misura minore Pechinesi, Cocker Spaniel e simili) e sono con maggiore probabilità femmine; i cani lavoratori di grande taglia (Pastori Tedeschi, Boxer, Alani, San Bernardo, Husky, Collie ecc.) e i randagi tendono ad essere più modesti e apprezzabili e sono probabilmente dei maschi: in questi casi possono anche svolgere il ruolo di eroi, spesso aiutando gli esseri umani in missioni difficili o addirittura sostituendosi ad essi. I cani da caccia enfatizzano soprattutto la lealtà e il coraggio, ma possono anche essere aggressivi e implacabili nella loro mansione; i segugi sono spesso investigatori privati, dotati di eccezionale "fiuto" nel risolvere i casi. I Bassotti vengono menzionati soprattutto per la forma bassa e allungata del loro corpo (spesso allungata a dismisura per finalità comiche). Alcuni piccoli cani come i Terrier e il Chihuahua assumono spesso il ruolo dello It/SpiritosoneScacciaTensione e saranno saputelli dalla parlantina facile. Tra i cani che possono interpretare il ruolo dei cattivi/cazzuti vi sono le razze muscolose e dal [[It/QuantoContaUnNonBello muso ricagnato]], di solito i Bulldog (nonostante che questi ultimi sono tra i più pacifici cani da compagnia nella It/VitaReale); un classico ruolo dei bulldog è quello del It/CaneDaGuardiaArrabbiato, il quale però può anche tramutarsi in eroe. I Mastini [[It/RicercaNonSvolta di solito non vengono distinti dal bulldog]], benchè in realtà siano cani molto diversi. Ma i cani più spiccatamente "cattivi" in finzione sono le grosse razze da difesa come il Dobermann, il Rottweiler o, recentemente, il Pitbull. Notate però che i cani da difesa/lotta nella It/VitaReale possiedono tutte le qualità comuni alle altre razze (fedeltà, affetto verso il padrone ecc.) Ci sono poi alcune razze canine che devono la loro immagine a una singola apparizione di successo, anzi sono diventate famose proprio grazie a questa apparizione: il Dalmata (CaricaDei101), il Collie (Lassie), ecc.

* '''Gatti''': La versione negativa degli animali da compagnia: sornioni, pigri, vanitosi, egoisti, scontrosi, infidi, crudeli, e nei casi più estremi, [[It/IGattiSonoPerfidi alleati del demonio]]. Naturalmente i poveri gatti possono anche essere presentati in maniera più gradevole, come personaggi teneri, affettuosi e giocherelloni. Comunque, [[It/CatGirl sono di solito femmine]], tipicamente sensuali o raffinate. I maschi tendono ad essere tipi di strada, spesso fighi, e amano cantare serenate alle loro belle; spesso suonano il Jazz. Se a un gatto viene associata una preda specifica, questa sarà un topolino, un uccellino da gabbia o un pesce rosso (ma in questi casi però dovrà solitamente vedersela con un It/CaneDaGuardiaArrabbiato che difenderà l'animaletto). È anche esperto nel rubare il pesce. Le razze esotiche come il Siamese e il Persiano possono essere eleganti e raffinate, o (in senso deteriore) viziate e arroganti; possono anche essere personaggi subdoli e ingannevolmente benevoli (salvo poi dare la colpa ad altri delle loro malefatte, come Si & Am di ''Lilli e il Vagabondo''). Invece i gatti "soriani" (d'appartamento o di strada) tendono ad essere più sinceri e amichevoli, spesso amici degli umani i quali si mostreranno benevoli nei loro confronti; anche se raramente, possono persino tramutarsi in eroi.[[note]]Si può notare a questo punto un interessante parallelo tra gatti e cani: i gruppi di razze delle due specie che hanno una funzione simile nel mondo reale, tendono ad avere clichè simili anche in finzione (barboncini e gatti persiani, ad esempio).[[/note]] Il discorso, ahimè, cambia se il tuo micio è nero: allora sarà un classico compagno delle streghe e porterà sfortuna. Comunque, i gatti in generale sono da sempre associati con la magia e il mistero tanto in Occidente quanto in Oriente (in particolare in Giappone). Altri stereotipi felini: i gatti hanno "sette vite" (in Italia) o "nove vite" (nel mondo anglosassone), tanto che quando sono in pericolo vediamo le loro "anime" (rappresentate come angioletti) che [[It/RegolaDelFigo se ne vanno una ad una dal corpo dell'animale]] (di solito almeno un'anima rimane nel corpo salvandogli la vita). E naturalmente, ''odiano l'acqua'' [[It/GiocoDiParoleTristissimo come il diavolo odia l'acqua santa]]. I gattini sono l'esempio per antonomasia di cuccioli teneri e indifesi. Possono essere dispettosi, ma riescono sempre a farsi perdonare dai padroni umani (mentre gli adulti non sempre si salvano...); il loro passatempo preferito è giocare con un gomitolo di lana. E i personaggi mezzi gatto e mezzi uomo? Impossibile non ricordare It/CatGirl, che può essere dolce e attraente (allora sarà di solito bianca) oppure sensuale e astuta (in questo caso sarà [[Franchise/{{Batman}} nera]]); le ragazze-gatto sono particolarmente comuni negli anime e nei manga, visto il ruolo importante che il felino ha nella cultura giapponese.

* '''Lupi''': Sono tra gli animali che hanno maggiormente popolato l'immaginario umano. La loro immagine pubblica ha subito una profonda trasformazione in questi anni, come nessun'altro animale del Sistema Solare. Dopo essere stati dipinti per secoli come "le bestie più malvage della Terra" i lupi adesso sono sempre più spesso personaggi eroici, dignitosi e nobili, e nella It/VitaReale il lupo è ormai uno degli animali più usati come "specie carismatica" dalle associazioni ambientaliste. Ma per millenni sono stati l'incarnazione del diavolo. I [[It/LupoCazzuto lupi cattivi]] tradizionali sono tipicamente prepotenti, ingiusti e famelici; le lore vittime più frequenti sono, naturalmente, le pecore o gli agnelli, ma possono essere qualsiasi altro animale. Possono essere “lupi solitari” oppure fortemente leali al loro branco. Di solito associati ai paesi freddi (ma nella realtà vivono anche in luoghi più caldi, come in India). Un altro classico cliché negativo associato ai lupi è quello del It/LupoMannaro.

* '''Volpi''': Strano destino quello della volpe tra gli It/StereotipiAnimali. Alcuni carnivori sono sempre rappresentati come cattivi (esempio la Iena); altri sono sempre eroi, un esempio tra tutti il Leone (naturalmente se non teniamo in conto le sovversioni). Le volpi invece possono essere eroiche o perfide a seconda del paese di provenienza dell’autore, ma saranno ''sempre astute''. E naturalmente adorano mangiare galline, mentre nella It/VitaReale mangiano più roditori che pollame. L'animale forse più comune nelle favole classiche, dove sembra aver nient'altro da fare che imbrogliare gli altri animali grazie alla sua superiore furbizia. Altri tratti tipici associati alla volpe sono il pragmatismo, la vanitosità, e anche la sensualità (in questi caso sono femmine, proprio come i gatti).

* '''Coyoti''': In Europa i coyoti tendono a venire confusi con i lupi, ma nei media americani hanno un clichè molto diverso dai lupi. Vengono presentati in modo più simile alle iene, come personaggi codardi e crudeli, e anche in modo simile alle volpi, come tipi astuti e imbroglioni (anche se i loro piani tendono a fallire, vedi ''Wile E. Coyote''). Il loro ululato è anche uno dei simboli del Far West, e più in generale della natura selvaggia nordamericana.

* '''Sciacalli''': Se sentite nominare lo Sciacallo, aspettatevi che venga menzionata anche la Iena (come se fossero lo stesso animale); in realtà gli sciacalli sono animali molto più simili alle volpi, sia per dimensioni che per comportamento. Il loro clichè è praticamente identico a quello della iena (a parte la risata): mangiacarogne codardi e vili che non sanno fare altro che aspettare che qualcuno muoia per divorarne le spoglie (Vedi It/IlDilemmaDelCarnivoro per scoprire la palpabile ipocrisia del tuo autore). E nella It/VitaReale? Naturalmente non è così: gli sciacalli sono animali molto belli, simili a dei cani domestici di media taglia, sono intelligenti, sono ottimi genitori, e si nutrono ''soprattutto di prede vive''. E possono essere ''molto'' coraggiosi quando difendono i piccoli.

* '''Iene''': Nonostante l'apparenza non sono parenti del cane, ma formano una famiglia zoologica a sè stante. A parte la vecchia storia del "mangiacarogne", la loro notorietà è dovuta soprattutto alla loro "risata" che le ha rese vittime dell' It/UncannyValley. In finzione [[It/ExactlyWhatItSaysOnTheTin praticamente interpretano il ruolo della]] [[It/LaIena Iena]]; ridono come maniache senza una ragione. E se esiste una ragione, allora è per sbeffeggiare il prossimo o manifestare letizia davanti alle disgrazie degli altri (nella It/VitaReale la loro "risata" non ha assolutamente questi significati, attribuiti dall'uomo). In seguito alla recente riabilitazione del It/LupoCazzuto, le iene sono forse rimasti gli unici grandi mammiferi ad essere ancora oggi presentati [[It/CattivoDesignato in maniera sempre negativa]]: possono variare da barzellettieri relativamente innocui, fino ad essere la versione animale del It/ClownMalvagio. [[It/SupposizioniDiMassaSelvagge Alcuni]] sostengono che il ''Re Leone'' ha peggiorato ulteriormente la loro reputazione, mentre [[It/SupposizioniDiMassaSelvagge altri]] fanno notare che questo cartone ha contribuito a renderle simpatiche almeno a una parte del pubblico. Ad ogni modo, le [[It/VitaReale iene reali]] sono animali che hanno molti tratti "positivi". Non sono affatto così brutte come si dice, anzi hanno sguardo molto espressivo; sono veloci e agili nella corsa, e si nutrono soprattutto di ''prede vive'' anche molto più grandi di loro, esattamente come i leoni. Inoltre sono ottimi genitori, e spesso quando difendono i piccoli si dimostrano tanto coraggiose da esser gli unici carnivori della savana in grado di tener testa ai leoni.


* '''Leoni (maschi)''': Da sempre simboli di coraggio, orgoglio, potenza e nobiltà. Il Leone e l'Aquila sono da sempre ammirati e celebrati in ogni modo possibile e immaginabile; nel caso limite, nel Medioevo sono stati addirittura ritenuti l'incarnazione di Dio. Per via della sua posizione "in cima" alla catena alimentare, il leone è storicamente denominato il “Re della Foresta” (anche se sembra un inaccuratezza c'è in realtà una spiegazione, vedi oltre) o il "Re degli Animali" (molti sostengono che l'Elefante o la Tigre meritano maggiormente questo titolo; l'Elefante supera il Leone in potenza, la Tigre lo supera in bellezza). Ma può anche essere presentato come borioso, arrogante e pigro (si dice che il leone maschio passi 20 ore al giorno a dormire nella It/VitaReale). Spesso è letteralmente il "governante" del proprio territorio, a volte giusto e magnanimo, a volte tirannico e sanguinario (il Re Leone ci presenta entrambe le versioni). Mentre le leonesse, prive di criniera, tendono ad essere rappresentate in modo più simile alla Tigre o alla Pantera. Simboli dell'Africa, si ritiene comunemente che i leoni siano sempre vissuti solo qui: in realtà di leoni ce ne sono anche in Asia (benché oggi siano rarissimi), e nell'antichità erano presenti persino in Grecia. In altre parole, il leone nell'Europa greco-romana non era un animale "esotico", ma un componente nostrana della fauna: questo forse spiega perchè i Greci gli attribuirono l'appellativo di re (era il mammifero più grande che viveva nelle ''foreste temperate d'Europa'': [[EsattamenteComeDiceLEtichetta Re-Della-Foresta]] appunto), e il titolo regale è rimasto nel corso dei secoli anche dopo che le esplorazioni di terre lontane fecero conoscere al pubblico animali ancora più grandi e potenti di lui.

* '''Tigri''': Un recente sondaggio sembrerebbe aver rivelato che la tigre è "l'animale più amato", persino davanti al cane che occupa il 2° posto. Certamente è uno degli animali più popolari della nostra epoca: quasi tutti i libri sugli animali dedicati ai ragazzi hanno un tigre nella copertina; molte raccolte periodiche sugli animali iniziano proprio con la tigre; e gli appelli per la sua salvaguardia sono innumerevoli nei media (spesso descritta con frasi eccelse come "meraviglia della natura", "una delle creature più affascinanti dell'Universo" e così via). È quasi difficile credere che per secoli la tigre sia stata considerata come "la più crudele e sanguinaria di tutte le belve". Spesso è stata ingiustamente descritta come "l'unico felino mangiatore di uomini" (anche se i "mangia-uomini" esistono anche tra i leoni e i leopardi); in realtà gli individui mangiatori di uomini sono rarissimi tra le tigri (e tra i grandi carnivori in generale). Certamente la riabilitazione della tigre è stata portata anche dal fatto che oggi questi animali sono a rischio d'estinzione: quindi, nelle storie le tigri saranno assassini senza scrupoli nei vecchi prodotti (es. It/LibroDellaGiungla) e personaggi eroici in quelli moderni, nonchè esempio di vittime innocenti della nostra [[It/GliUmaniSonoBastardi stupidità]]. Sono tra i simboli più noti dell'India; comunque sono ''sempre'' collocate in ambienti tropicali (ci sono tigri anche in Siberia!). Spesso sono vittime di It/NaturaNelPostoSbagliato, tanto che la frase "lo sai che le tigri non vivono in Africa?" è quasi un tropo a sè stante. Le famose "tigri bianche" sono solo una variazione di colore rarissima del normale animale. E se volete far sembrare la vostra tigre più vecchia (o ancora più cazzuta), semplicemente [[It/ISolitiDinosauri allungatele i canini superiori]].

* '''Leopardi o Pantere'''[[note]]Nota che "leopardo" e "pantera" sono sinonimi nella lingua italiana: l'uso di "pantera" per indicare esclusivamente la "pantera nera" si è originato recentemente, forse per via dell'influenza del Libro della Giungla.[[/note]]: Più piccole di leoni e tigri, le pantere hanno un clichè leggermente diverso: tendono ad essere meno potenti ma più astute e furtive, e sono agilissimi arrampicatori e saltatori (la loro agilità sui rami può venire però esagerata). Le cosiddette "pantere nere", nonostante siano molto rare in natura, appaiono con grande frequenza nelle storie perchè [[It/RegolaDelFigo il nero è più figo]] (e anche più facile da disegnare di un mantello maculato...). Le pantere nere tendono ad essere ancora più feroci e astute degli altri grandi felini. Ma nella It/VitaReale questi animali non sono altro che leopardi casualmente nati con il mantello nero, e non differiscono in nulla dalla "normale" variante maculata: questa loro fama di maggiore ferocia è unicamente dovuta [[It/LOscuritaEMalvagia al loro colore]]. I Giaguari e i Coguari (meglio noti come Puma) vengono regolarmente confusi con i leopardi, e non hanno differenze nel loro clichè: possono persino essere messi nel calderone delle "pantere". Nonostante ciò, aspettatevi che i leopardi emettano un [[http://www.youtube.com/watch?v=BvbBBv45xQI verso simile a]] [[http://www.youtube.com/watch?v=xKw4OFAu1WM quello del puma]], anche se quelli reali [[It/RicercaNonSvolta ruggiscono]] come tutti i ''[[It/PantheraIncredibile Panthera]]''. A volte questo verso viene attribuito persino alle [[http://www.youtube.com/watch?v=iRHmOCniDrU tigri]], o a qualunque grosso felino che non sia il leone.

* '''Ghepardi''': Anch'essi sono spesso confusi con i leopardi, ma sono anche famosi per essere veloci come il fulmine. Nella realtà, leopardi e ghepardi sono animali molto diversi, pur essendo entrambi della famiglia dei Fèlidi; inoltre i ghepardi sono molto meno aggressivi e possono essere facilmente addomesticati.

* '''Linci''': Vengono viste come la versione nostrana della tigre o della pantera, ma hanno anche molte somiglianze con i gatti (ai quali sono molto più affini). Si sono sempre attribuite loro capacità visive straordinarie, da qui l'associazione con le idee di grande perspicacia e di imprendibilità. Nota però che le vere linci sono animali poco più grandi di un gatto domestico e sono del tutto innocue per l'uomo.

* '''Orsi''': Senz'altro sono tra gli animali che si prestano maggiormente ad essere umanizzati, per via del loro modo di muoversi quasi "umano". La loro reputazione tende a variare a seconda del lato dell'oceano in cui la storia è stata scritta. In Europa l'orso bruno è considerato di solito simpatico e bonaccione, tanto che le nostre associazioni ecologiche usano spessissimo la sua immagine, e i prodotti commerciali lo ritraggono ''ogni volta'' che vogliono comunicare un [[It/MoraleVerde messaggio ecologista]]. In Nordamerica invece l'orso sarà facilmente [[It/TuttoDiventaPeggioreConUnOrso pronto all'ira]] e [[It/MammaOrsa potentemente feroce se provocato]], soprattutto quando lo svegli dal suo letargo, di solito passato in una caverna. Il Grizzly è l'orso citato più di frequente per la sua "ferocia", ed è stato il "protagonista cattivo" di molti film americani. Tuttavia, anche in America gli orsi possono essere presentati come dolci e affettuosi, per via degli orsacchiotti di peluche, e coraggiosi. Buoni o cattivi, comunque vanno sempre pazzi per il miele. Spesso appaiono semplicioni e facili da raggirare (nella realtà invece sono molto intelligenti), ed è molto comune disegnargli con un pancione esagerato nei cartoons. Gli orsi bianchi [[It/RicercaNonSvolta tendono ad essere trattati come un normale orso di diverso colore]], e non hon hanno vere differenze nella loro immagine, a parte la resistenza alle avversità del proprio ambiente. Una curiosità: i popolari orsacchiotti di peluche non sono ispirati all'orso bruno come viene fatto di pensare, bensì all'orso nero (la specie più diffusa di orso in Nordamerica).

* '''Panda''': Divenuti famosi dopo essere stati scelti nel 1961 come simbolo del WWF, i "panda maggiori" sono sempre immaginati come teneri e coccoloni. "Obesi"; NON vorresti un panda seduto su di te. Anche sedentari, tipicamente ritratti in posizione "seduta" mentre si sgranocchiano il loro bambù. Simboli dell’ambientalismo e dell’amore per la natura; ''impossibile'' non pensare a loro se sei un animalista.

* '''Procioni o Orsetti Lavatori''': Mammiferi nordamericani molto comuni nei cartoni animati, possono far parte delle It/CreatureDelBosco; spesso collocati anche [[It/NaturaNelPostoSbagliato in Europa]] (come in [[WaltDisney Biancaneve o in Robin Hood]]). Posson essere personaggi astuti, imbroglioni ed esperti nel furto, con tanto di "mascherina da bandito" sulla faccia, e allo stesso tempo simpatici e graziosi. [[It/EsattamenteComeDiceLEtichetta Adorano lavare il cibo in acqua]] (è controverso se questo sia [[It/VitaReale vero]] oppure no).

* '''Tassi e Ghiottoni''': Grossi mustèlidi simili a piccoli orsi, Tassi e Ghiottoni non sono molto frequenti nelle storie. I tassi possono apparire come dei solitari dalla scorza dura e che vivono appartati, ma di animo gentile. “La mia casa è il mio castello”. Possono però anche essere mostrati come testardi e combattivi. I ghiottoni sono ancora meno frequenti, ma quando appaiono saranno sempre [[It/EsattamenteComeDiceLEtichetta ingordi]], estremamente coraggiosi e feroci nella lotta, persino di fronte ai nemici più grandi. Sono tipici del folclore nordeuropeo e canadese.

* '''Lontre''': Questi Mustelidi acquatici hanno zampe palmate e un viso che ricorda un poco quello di una foca, e il loro clichè è abbastanza simile a quello delle foche: agili, graziose, giocherellone. Di solito associate ai fiumi, ma nella It/VitaReale alcune specie vivono in mare.

* '''Puzzole''' (o meglio, '''Moffette'''): Come i Procioni, le Moffette sono piccoli carnivori nordamericani frequenti nei cartoni animati: anche se i nostri traduttori le chiameranno ''[[It/RicercaNonSvolta sempre Puzzole]]''. Avendo un aspetto grazioso sono di solito mostrate come gentili innocenti, che però camminano senza timore essendo ben consapevoli di quanto le loro abilità difensive siano rispettate. Tuttavia, in finzione le puzzole possono [[It/TuttoDiventaPiuPuzzolenteConUnaPuzzola produrre costantemente il loro odore]] senza rendersene conto (Pepè Le Pew è il probabile It/{{Prototropo}}), al punto che tutti gli altri personaggi fuggiranno immediatamente al solo vederle, salteranno terrorizzati su una sedia o cose così. Ma nella It/VitaReale le moffette spruzzano il loro liquido maleodorante ''solo'' quando sono in grave pericolo, e ''non puzzano costantemente''. Le vere puzzole sono in realtà animali molto diversi, sono tipici dell'Europa e hanno un aspetto molto più simile a quello di una donnola (vedi sotto).

* '''Donnole / Faine''': Nonostante siano tra i mammiferi più graziosi d'aspetto, Donnole, Faine, Ermellini e Furetti vengono quasi sempre presentati in maniera negativa, come dei ladruncoli scaltri, subdoli, e particolarmente esperti nel razziare pollame. Possono persino essere definite "assetati di sangue". Sono quindi una delle poche eccezioni alla regola di It/BelloUgualeBuono di It/QuantoContaUnNonBello. L'Ermellino (o meglio, la sua variante invernale dal mantello candido) può però anche simboleggiare purezza e prestigio (il classico mantello dei re di Francia era d'ermellino). Il Furetto, ossia la forma albina della Puzzola europea, è nella It/VitaReale un animale tipicamente domestico che viene tenuto spesso come animale da compagnia. Può essere stato la fonte d'ispirazione di un tropo positivo riguardante questo gruppo: la It/DonnolaMascotte. Ma non aspettatevi che venga fatta distinzione tra donnole, faine, furetti o animali simili (potranno persino essere trattati come [[It/RicercaNonSvolta sinonimi]].

* '''Manguste''': Assomigliano vagamente alle donnole, ma a differenza di queste sono descritte come graziosi ed eroici difensori degli innocenti (Rikki-Tikki-Tavi è probabilmente il It/{{Prototropo}}). Se abbinate ad un nemico specifico, sarà quasi sempre un serpente, di solito un cobra: tale scontro viene spesso visto come la lotta tra il Bene e il Male, per via della simbologia tradizionale del serpente. Ma nella It/VitaReale le manguste sono aggressive e poco adatte come animali da compagnia, inoltre raramente lottano contro i cobra in natura.
[[/folder]]

[[folder:Altri Mammiferi]]
* '''Ratti''': Sono tra gli animali dipinti in modo più negativo: personaggi detestabili, astuti ma codardi. Spesso però questo tropo viene volutamente invertito: allora il personaggio-ratto sarà il più gentile/eroico di tutti. Fatto non sorprendente, siccome un ratto medio è più intelligente, amichevole, e un animale da compagnia molto migliore di un topolino. Spesso vengono anche associati con il sudiciume e le malattie, in particolare la peste. [[It/IlRatto Sono anche molto esperti del mondo criminale]], ladri o gangsters che vivono nei bassifondi di una città, e possono avere facce sfregiate e sigari in bocca. Buoni o perfidi che siano, i ratti appaiono sempre come dei tipi tosti che riescono sempre a cavarsela, a differenza dei topi (vedi sotto). Non aspettatevi che si faccia una differenza tra il "Surmolotto" (o Ratto di Chiavica) e il "Ratto Nero", le due specie di ratti viventi accanto all'uomo.

* '''Topi''': Ratti e topi vengono spesso confusi nella It/VitaReale, ma in finzione hanno ruoli molto diversi. I Topolini delle case appaiono quasi sempre come personaggi amabili e innocui (sebbene possano comunque spaventare le massaie). Il Topo è senz'altro l'animale più usato come protagonista nelle storie, grazie a Walt Disney e al suo [[It/{{Prototropo}} Mickey Mouse]]. I topi dei cartoni vivono nella classica "tana nel muro", e sono eroici al punto da mettere in ridicolo nemici molto più grandi di loro (in particolare gatti). Un altro ritratto molto comune li vuole secchioni e libreschi, vivono in biblioteche e portano It/OcchialoniDaSecchione; comunque il formaggio è sempre il loro piatto preferito (nella It/VitaReale mangiano un po' di tutto). Altre varietà del "topo" hanno immagini più specifiche: i cosiddetti "topi campagnoli" amano una serena vita agreste e spesso sono contadini. I "topi bianchi" sono più amichevoli e familiari, con ruoli simili a quelli dei Criceti/Porcellini d’India (vedi oltre).

* '''Conigli''': I conigli rivaleggiano i topi in quanto a frequenza nelle storie di animali. Naturalmente saranno dolci e carezzevoli, ma possono anche essere dei [[It/TricksterKarmico Trickster Karmici]] per autodifesa, come Characters/BugsBunny. Sono proverbiali anche per il loro moltiplicarsi ad un ritmo folle. E mangeranno carote, carote e ancora carote (nella It/VitaReale si nutrono soprattutto di erba). E saltellerano ''su due zampe'', così sembrano più umani. Se il vostro autore è di origini australiane, però, sarà difficile che vedrete un coniglietto nella [[It/ConiglioAssassino classica versione amabile]]...

* '''Lepri''': Confuse con i conigli. Devono una parte del loro clichè alla nota favola in cui gareggiano con la Tartaruga perdendo la sfida: quindi, saranno veloci come il fulmine nello scappare dai nemici (animali o cacciatori umani). Prive di coraggio: possono persino essere preda di una costante tremarella (questo tratto viene attribuito anche ai conigli). Abbiamo poi il sottotropo della Lepre Marzolina fuori-di-testa, dal modo di dire inglese "matto come una lepre di Marzo". In genere le lepri tendono ad essere più indipendenti e misteriose dei conigli, persino magiche.

* '''Criceti / Porcellini d’India''': Versioni casalinghe, docili e pulite di topi e ratti, quindi teneri ed affettuosi. I criceti sono molto usati negli anime giapponesi. Le cavie possono essere citate per essere stato il classico animale da esperimento, ma siccome oggi i biologi usano ''sempre e solo'' certe varietà addomesticate di ratti, questo è forse ormai un It/TropoDiscreditato.

* '''Scoiattoli''': I beniamini dei nostri boschi nella It/VitaReale, gli scoiattoli della finzione possono essere adorabili e indifesi, oppure dispettosi e litigiosi. Comunque, sempre in perenne agitazione. Uno dei loro passatempi preferiti sembra essere quello di tirare noci o ghiande sui passanti senza essere visti, e spesso fanno i dispetti ai villeggianti mentre fanno il picnic. Ma persino così, finiranno quasi sempre per essere perdonati. Gli scoiattoli "classici" vengono tipicamente ritratti seduti su un ramo mentre sbocconcellano la loro nocciola (nella vita reale sono ''onnivori''). I Tamia o Chipmunks nordamericani (Cip e Ciop per intenderci), vengono fatti rientrare nella stessa categoria nonostante siano roditori piuttosto diversi (per esempio, vivono ''quasi sempre al suolo'').

* '''Marmotte / Ghiri''': Due roditori molto diversi tra loro, ma con un'immagine simile. Praticamente l'esatto contrario degli scoiattoli: tanto questi sono iperattivi, quanto loro sarebbero pigri e dormiglioni (questa fama è derivata dal loro profondo letargo invernale, ma nella bella stagione sono molto attivi in realtà). Appaiono comunque altrettanto graziosi quanto gli scoiattoli. La marmotta è anche uno degli animali più noti delle Alpi. Mentre le famose "Giovani Marmotte" sono ispirate a una specie nordamericana di marmotta che vive in pianura.

* '''Castori''': Ecco i grandi lavoratori del mondo dei mammiferi: esperti taglialegna, costruttori e trasportatori fluviali, sempre con un'aria seria e pratica. Spesso indossano una casacca da operaio e possiedono un kit da falegname. Comunque, sempre con enormi incisivi superiori sporgenti, tanto da essere spesso costretti a pronunciare le "S" come "F". Di solito associati al Nordamerica (nella It/VitaReale esistono castori anche in Europa).

* '''Lemming''': Piccoli roditori della tundra artica famosi per le loro migrazioni in massa. Il loro cliché è piuttosto simile a quello delle pecore, ma con una maggior enfasi nel seguire senza esitazione pratiche popolari “auto-distruttive”. Cioè, alla classica domanda “se tutti saltano dal ponte, tu lo faresti?”, un lemming risponderebbe entusiasticamente “Sì!”. Nota che la storia dei lemming che si tuffano in mare dalle scogliere per tentare il suicidio è in realtà una leggenda urbana, largamente alimentata da uno storico documentario della Disney in cui dei lemming [[DocumentaryLies vennero forzati a cadere da una rupe e filmati come se fosse una scena spontanea]].

* '''Porcospini / Ricci''': Attenzione: porcospini e ricci sono animali ''completamente diversi''. I porcospini o istrici sono ''roditori'', mentre i ricci sono ''insettivori'', tuttavia condividono lo stesso clichè. Sono presentati un po' come le puzzole: tipi tranquilli che vanno in giro senza timori sapendo di essere ben protetti. Le istrici, avendo (a torto) la fama di lanciare i loro aculei, potranno essere più suscettibili e scontrose, mentre i ricci che si chiudono a palla tendono ad essere più timidi e teneri. Questi ultimi possono anche essere usati come "palle" letterali in giochi di squadra. Un' altra immagine del riccio lo accomuna alla mangusta: coraggioso difensore del debole, per la sua fama di uccisore di vipere (ma nella It/VitaReale ciò accade raramente). Siccome ricci e istrici non vivono in Nordamerica, quando vedete un animaletto spinoso in un cartoon Made-in-USA sarà l'Ursone o Porcospino americano.

* '''Talpe''': I grandi esperti nello scavo tra gli animali campestri. Le talpe antropomorfe sono di solito goffe e di bassa statura, anche se nella It/VitaReale sono velocissime a scavare. Possono essere ottuse e tarde oppure intelligenti e dalla mente tecnica, in questo caso sono spesso ingegneri. Ma sono sempre miopi o cieche, e avranno It/OcchialoniDaSecchione che le fanno apparire piuttosto "fuori moda"; naturalmente se li perdono vanno in crisi. Spesso ingigantite nei disegni, fino a farle diventare grandi come conigli (nella realtà sono più piccole di una mano umana). La talpa è anche di uno dei pochi animali dei cartoons americani ad essere normalmente modellato sulla varietà europea (le talpe americane sono un po' diverse). Una curiosità: il nome "talpa" in lingua spagnola viene tradotto in....Topo.

* '''Pipistrelli''': Poveri pipistrelli. Forse non riusciranno mai a togliersi di dosso l'aura sinistra che li circonda. E questo nonostante ogni anno salvino molte vite umane nei paesi tropicali, divorando insetti portatori di gravi malattie. Naturalmente i pipistrelli della fiction sono [[It/SeNeSonoProprioFregati malvagi e assetati di sangue]], immancabilmente associati a Dracula e ai suoi cugini. Esistono comunque anche ritratti più benevoli e sovversioni. Simboli della notte, amano sempre i luoghi oscuri e abbandonati come grotte, ruderi e vecchi castelli (ma nella realtà molte specie nidificano negli alberi). Di solito disegnati [[It/QuantoContaUnNonBello molto brutti]] (mentre nella It/VitaReale possono essere graziosissimi.) E non è vero che sono ciechi, nè che sbattono contro muri e pareti, e tanto meno che si impigliano nei capelli: grazie al loro "sonar", i pipistrelli del mondo reale possono evitare tutti gli ostacoli. E quelli viventi in Europa sono ''tutti insettivori''. Le ali di pipistrello sono da sempre considerate la versione "imbruttita" delle ali degli uccelli, e sono state attribuite a mostri, diavoli e draghi, e in tempi moderni, anche ai preistorici [[It/DaQualcheParteUnPaleontologoStaPiangendo Pterosauri]].

* '''Scimmie''': La loro somiglianza con l'uomo le ha spesso rese oggetto di [[LoveItOrHateIt estremismi]] da parte nostra. La loro immagine occidentale è variata storicamente da quella di incarnazioni del diavolo a quella di esseri speciali (da qui il termine "primati", ossia i "migliori")[[note]]Nota che "primati" non è sinonimo di "scimmie", ma comprende ''sia'' le scimmie ''sia'' l'uomo. Frasi come "L'uomo discende dai primati" e "anello mancante tra uomo e primati" non hanno quindi alcun senso.[[/note]] Gli orientali invece sono sempre stati benevoli con loro, dipingendole come sagge e altruiste (e in India sono più sacre delle proverbiali vacche). Nella moderna cultura popolare hanno immagini diverse:
# Simboli della Teoria dell'Evoluzione ("l'uomo discende dalla scimmia" è ormai una frase fatta);
# Parodia dei tratti tipici dell'umanità (di solito [[It/GliUmaniSonoBastardi quelli peggiori]]);
# Simboli di andatura sgraziata e bruttezza fisica, associate all' It/UncannyValley;
# Imitatrici che si divertono a "[[It/EsattamenteComeDiceLEtichetta scimmiottare]]" i gesti dell'uomo;
# Irrimediabilmente curiose e ficcanaso;
# Clown che fanno smorfie con la bocca, si grattano la testa ed emettono versi ridicoli;
# Sempre impegnate a sbucciarsi la loro banana (nella It/VitaReale la maggior parte delle specie di scimmie sono onnivore, e molte non toccano un frutto in tutta la loro vita);
# Monelli che passano il tempo a fare dispetti idioti a chicchessia per puro hobby (in particolare a tirare noccioline ai passanti);
# Creature [[It/TuttoDiventaMiglioreConUnaScimmia vivaci, graziose, intelligenti e adorabili]].
Spesso sono presentate come un unico tipo animale (se non è così, verranno comunque confuse tra loro). Gli scimpanzè (più affini a ''noi'' che alle altre scimmie) vengono sempre messi in questo gruppo, e la loro immagine pubblica è praticamente uguale a quanto detto finora. E non credete a chi vi mostra scimmie con coda prensile [[It/NaturaNelPostoSbagliato in Africa o in Asia]], perchè in realtà esistono solo in Sudamerica.

* '''Gorilla''': Gli unici primati non-umani ad essere sempre distinti dalle "scimmie" in finzione. Comunque li si rappresenti, hanno sempre un’immensa forza. Anch'essi adorano le banane (nella realtà mangiano sedano selvatico, bambù e cose simili). Un tempo rappresentati come colossi brutali che distruggono tutto quello che incontrano e che si battono il petto in segno di vittoria, spesso soprannominati Film/KingKong dal nome [=dell'=] It/{{Prototropo}} (anche se i Film/KingKong di solito nascondono un animo buono, e hanno un debole per le belle ragazze umane). Oggi però i gorilla tendono ad essere presentati come i giganti gentili simili alla [[It/VitaReale realtà.]] Spesso vengono anche immaginati aventi una dignità malinconica, quasi fossero consapevoli che la loro specie è a rischio d'estinzione. E a proposito: nella It/VitaReale non volteggiano come acrobati sui rami, pesano troppo per farlo. Nè sono alti due metri in piedi, anzi sono un poco più bassi di noi ''anche'' quando eretti.

* '''Oranghi''': Una sorta di via di mezzo i Gorilla e le "Scimmie", avranno la forza e la determinazione dei primi e l’agilità, la comicità e la natura dispettosa delle seconde. Più pericolosi di quello che sembrano (anche se nella It/VitaReale sono molto più pacifici, ad esempio, degli scimpanzè). Da notare che nei secoli passati ''tutti'' i primati antropomorfi venivano identificati come oranghi: gli scimpanzè e i gorilla vennero riconosciuti come specie distinte solo più tardi (i gorilla sono stati scoperti solo nel XIX secolo).

* '''Babbuini''': In seguito alla recente riabilitazione del [[Film/KingKong gorilla]], pare che i babbuini siano diventati i nuovi "cattivi" del mondo delle scimmie: l'esempio più clamoroso è probabilmente [[ZergRush l'attacco in massa]] di babbuini nel film disneyano Tarzan. Ma nella It/VitaReale i babbuini sono del tutto innocui per l'uomo, e sono intelligenti e socievoli come tutte le altre scimmie.

* '''Canguri''': Eterni simboli dell'Australia. Come altri animali famosi per l'aspetto "esotico", i canguri non sempre vengono antropomorfizzati; ma quando accade, saranno facilmente degli esperti pugili, spesso con guantoni da boxe. Sembrano che piaccia loro trasportare chiunque nella loro borsa (cosa impossibile nella vita reale: il marsupio non è una comoda borsetta portaoggetti, è ''mucosa'' al suo interno!). I canguri dei fumetti hanno ''sempre'' il marsupio, mentre nella realtà solo le femmine lo hanno. E non è vero che si muovono solo saltando su due zampe: nella realtà possono anche muoversi su tutte e quattro (o meglio su tutte e cinque, perchè usano anche la coda). Se vedete un canguro in TV sarà quasi certamente una delle specie più grandi, in particolare il "canguro rosso"; qualche volta però si vede anche il piccolo "wallaby" (es. Skippy).

* '''Koala''': La mascotte degli australiani, per via del suo aspetto da orsetto di peluche. Naturalmente sono teneroni per eccellenza; e anche piuttosto immobili, perennemente aggrappati a un ramo verticale di eucalipto, al punto di far pensare che passino la vita a dormire.... in alternativa, possono essere dipinti come sbruffoni e litigiosi (un po’ più vicino alla realtà).

* '''Foche''': Simpatiche e giocose, adorabilmente goffe a terra ma con una grazia mozzafiato in acqua: associate con la magia del mare. Possono essere gli "animali da compagnia" degli esquimesi. Quelle viventi in un circo (queste però sono otarie e non vere foche) sono dei clown, tengono una palla in equilibrio sul naso oppure suonano trombette. Comunque sempre benevole, mentre nella It/VitaReale possono essere molto aggressive, e non tutte mangiano pesce come in Fictionlandia. I trichechi, anch'essi membri dello stesso gruppo, hanno alcune differenze nel loro stereotipo (vedi sotto).

* '''Trichechi''': Anch'essi simpatici e solitamente benevoli (mentre nella It/VitaReale possono essere aggressivi tanto da essere temuti dagli Inuit). Naturalmente saranno grassi, ma non se ne faranno un problema. A differenza delle "giocose" foche i trichechi vengono dipinti come tipi dignitosi, a causa dell'aspetto da "vecchi signori" che i trichechi della It/VitaReale sembrano avere; saranno sempre maschi, avranno baffoni a cespuglio e a volte anche un monocolo. La cosa strana è che sono spesso mostrati senza le loro lunghe zanne. Una cosa ancora più strana è che gli Elefanti Marini, nonostante siano ancora più grandi dei trichechi, vengono mostrati quasi solo nei documentari.

* '''Lamantini o Vacche di mare''': Pochi da noi conoscono questi animali, ma negli USA sono familiari (soprattutto in Florida). Apparentemente simili ai trichechi (ma in realtà del tutto diversi) sembrano le versioni tropicali di questi, ma ancora più simpatici per via del loro nuotare tranquillo e rilassato.

* '''Delfini''': Da sempre tra gli animali più ammirati e decantati, costantemente ai primi posti nelle preferenze della gente (nel già citato sondaggio hanno occupato il 3° posto dopo la Tigre e il Cane); sicuramente le creature marine di gran lunga più popolari. Non c'è molta varietà nella loro rappresentazione nei media: saranno sempre [[It/DelfiniDelfiniDappertutto giocosi, allegri, aggraziati]], con un'aria sempre sorridente e con un'intelligenza non comune (quest'ultimo aspetto è It/VeroInTelevisione. I delfini hanno davvero un'intelligenza formidabile). Considerati gli "angeli del mare", sempre felici di fare del bene al prossimo, in particolare salvare naufraghi e aiutare i protagonisti umani nelle loro missioni. Non sono (nè saranno probabilmente) mai rappresentati come i tipi violenti che possono essere realmente. Sono gli animali acquatici citati più frequentemente per [[It/NonSonoUnProcione non essere pesci]], tanto che la frase "i delfini sono mammiferi, non pesci!" costituisce quasi un tropo a sè. La specie utilizzata è, quasi senza eccezioni, il Tursiope (per intenderci, Flipper); ironicamente, questo delfino è più aggressivo, meno acrobatico e meno colorato di altre specie della It/VitaReale come il Delfino comune o le Stenelle.

* '''Orche o Balene Assassine''': Il predatore più potente dell'oceano, capace di uccidere in branco le balene più grandi (e temuta persino dagli squali bianchi), l'Orca è a dispetto del nome un parente stretto dei delfini. Alcuni la considerano la versione acquatica dei lupo. E come il lupo, è stata recentemente rivalutata nei media: un tempo descritta come il "terrore dei mari" (a volte confusa con gli squali), oggi tende ad essere presentata come un gigante intelligente e tutto sommato benevolo (le orche della It/VitaReale sono intelligenti e facilmente addestrabili come i delfini, vedi FreeWilly).

* '''Balene''': Animali leggendari le balene. Le loro dimensioni da record (forse neppure il dinosauro più grande mai esistito poteva batterle in peso) e il loro comportamento un tempo quasi sconosciuto ha sempre circondato di meraviglia e di terrore la loro immagine. Oggi ne sappiamo molto di più su di loro; sappiamo che sono del tutto inoffensive per l'uomo (e hanno la gola troppo stretta per ingoiarci); sappiamo che sono molto intelligenti e ottimi genitori; sappiamo che molte specie sono in via d'estinzione per colpa nostra; quindi, non è sorprendente che oggi le balene siano presentate come creature gentili e sagge, tanto che persino il terribile ''It/MobyDick'' che distrugge la nave Pequod nel romanzo omonimo viene oggi riabilitato come un caso di pura autodifesa. Un tempo però le balene erano dipinte come mostri marini terrificanti, divoratori di naufraghi e persino di navi. Di solito erano ispirate al Capodoglio, l'unica grande balena con denti invece che fanoni e potenzialmente capace di ingoiare una barca intera: ''It/MobyDick'' apparteneva proprio alla sua specie. Non si tratta solo di una leggenda, ci furono casi di navi affondate da capodogli; oggi però sappiamo che lo fecero esclusivamente come reazione agli arpioni dei balenieri. In fiction le balene tendono ad assomigliare ad un tipo generico di grande cetaceo, spesso a metà tra un capodoglio, una balenottera, un orca o qualche altra cosa, magari addirittura uno [[It/SeNeSonoProprioFregati squalo]]. Ingoiano tonnellate di pesce in un sol boccone; viste da dentro sembrano caverne con tanto di costole e vertebre in rilievo; spruzzano acqua invece che aria; e spesso i prigionieri riescono a sfuggire attraverso il loro sfiatatoio (come ci viene mostrato ad esempio in AllaRicercaDiNemo). Ovviamente i documentari ci raccontano una [[It/VitaReale realtà]] abbastanza diversa: ad esempio, nelle balene le vie respiratorie sono ''separate'' da quelle alimentari, rendendo impossibile l'impresa di fuggire attraverso sfiatatoio.
[[/folder]]

[[folder:Uccelli]]
* '''Uccelli in generale''': Mammiferi e Uccelli sono considerati gli "animali superiori". Sono "a sangue caldo" come noi, camminano come noi, e coccolano i loro piccoli come noi. Insomma, ci sembrano più [[It/GliAutoriSonoDiSolitoUmani umani]] degli altri animali. Nonostante ciò, [[It/DaQualcheParteUnOrnitologoStaPiangendo gli Uccelli non riscuotono la stessa attenzione dei Mammiferi in fiction]]. Spesso fungono solo da elemento ambientale di sottofondo, mentre i loro colleghi pelosi recitano le parti principali. E non costituiscono ''mai'' un "mondo parallelo" a quello dei mammiferi, comea accade ai pesci o agli insetti (giustificato, visto che nella It/VitaReale i pennuti e i peluti vivono negli stessi habitat e competono per lo stesso cibo). Inoltre tendono ad essere generici, e gran parte della loro sterminata varietà della It/VitaReale verrà semplicemente [[It/PiccoliGruppiTassonomici ignorata]]. Tuttavia gli uccelli più caratteristici e facili da riconoscere dai non-zoologi ''ottengono'' la considerazione dei creatori di storie, e alcuni di essi hanno persino dei tratti di personalità ricorrenti in finzione. Ma anche così è raro che siano loro i personaggi principali: questi rimarranno di solito i [[It/QuantoContaUnNonUmano membri della nostra classe]].

* '''Uccellini canori''': Tradizionali simboli di gioia di vivere, che spesso nella It/VitaReale ci sembrano esistere apposta per renderci un po' più piacevole la vita. Nei media i Passeriformi (il nome biologico corretto) vengono confusi tra loro, e nei cartoni assomigliano tutti a dei passeri con [[It/ScambioDiPalette colori a tinta unita, di solito azzurri o gialli]]. Possono anche essere presi come simboli dell'anima umana. Tuttavia, nella It/VitaReale gli uccelli cantano per scopi territoriali e riproduttivi, non per manifestare la loro felicità.

* '''Passeri''': Gli uccellini per eccellenza. Interpretano personaggi allegri, agili e graziosi, amanti della semplicità, ma anche resistenti alle avversità (siano esse i gatti o la crudezza dell'inverno), al punto da farsi perdonare il fastidio che possono arrecare nei campi (visto che si nutrono soprattutto di semi). Possono però anche essere visti come invadenti e litigiosi.

* '''Canarini''': Gli uccellini da gabbia per eccellenza. Confermando il sottotropo dello It/ScambioDiPalette, saranno sempre ''gialli'' (mentre nella It/VitaReale possono essere anche di altri colori). Spesso immaginati come infelici per aver perduto la loro libertà, tanto che il loro canto viene tipicamente descritto come "triste". Possono però anche apparire dispettosi e falsamente teneri (Titti è il probabile It/Prototropo). Sono anche uno dei tre classici sogni dei gatti d'appartamento, oltre ai topolini e ai pesci rossi.

* '''Rondini''': Probabilmente gli uccelli più amati da sempre. Tradizionali annunciatrici della primavera e portatrici di notizie liete. Sono anche un simbolo di fedeltà al proprio luogo natio, per la capacità di ritornare nel luogo di origine dopo i loro lunghissimi viaggi. E' interessante notare che già gli antichi greci consideravano le rondini con rispetto e ne vietavano la caccia.

* '''Pettirossi''': Il pettirosso è un altro uccelletto molto amato, che porta una nota di colore nel periodo invernale: spesso associato col Natale. Alcune storie popolari li vogliono tanto altruisti da arrivare a sacrificare la propria vita. Ma i pettirossi della It/VitaReale sono uccelli alquanto aggressivi nel difendere il proprio territorio. E il famoso "pettirosso" di Mary Poppins ''non è'' un pettirosso, bensì una sorta di merlo tipico del Nordamerica.

* '''Merli''': Di solito non compaiono nelle storie, ma quando accade tendono ad essere una via di mezzo tra i "passeri" e i "corvi" (vedi sotto). Nella It/VitaReale condividono elementi di entrambi, sono vivaci come i primi e neri come i secondi, e di dimensioni intermedie tra i due. Non hanno per fortuna la simbologia sinistra di cui i corvi sono vittime.

* '''Corvi''': Nonostante vengano spesso associati ai rapaci, i Corvi e le Cornacchie sono in realtà dei grossi Passeriformi. La loro immagine è molto variabile nella cultura popolare: possono essere sinistri annunciatori di morte oppure personaggi saggi e altruisti; possono essere stupidi oppure straordinariamente furbi. Il loro colore scuro e il fatto di nutrirsi anche di carcasse li fa spesso associare a situazioni inquietanti o al malaugurio. Buoni o cattivi che siano, i corvi saranno comunque sempre dei tipi tosti alla "ratto", e proprio come questi possono essere presentati come gangsters con tanto di sigaro in bocca. E non hanno il becco giallo nella It/VitaReale, nè sono ''sempre'' neri (alcune specie reali sono grigie e nere).

* '''Gazze''': Note come le "ladre" per eccellenza, o comunque attratte dagli oggetti lucenti che usano portare nel nido. Tuttavia nella It/VitaReale le "gazze ladre" sono soprattutto individui addestrati dall'uomo proprio per questo scopo. Possono anche venire descritte come tipe ciarliere e pettegole.

* '''Picchi''': Non hanno una personalità propria nei racconti: si limitano a scavare buchi con il becco su tutto quello che trovano (nella vita reale scavano solo il legno o, qualche volta, il terreno).

* '''Cuculi''': Noti più per la loro voce che per il loro aspetto. Possono essere annunciatori della primavera (essendo dei migratori), oppure come un simbolo delle donne che segretamente fanno sì che i loro mariti allevino i bambini di un altro uomo (i cuculi reali depongono le loro uova nei nidi di altri uccelli). E naturalmente, escono dagli orologi a cucù.

* '''Colombi''': Teneri e carezzevoli, associati con l'amore romantico. I piccioni viaggiatori sono classici messaggeri di liete notizie (soprattutto d'amore) e possono anche essere eroici. Invece i piccioni "torraioli" (ossia quelli tipici degli ambienti urbani) vengono spesso visti come invadenti, e molte persone sostengono che sono stupidi, forse per il loro modo di camminare in mezzo alla gente, lento e privo di timori.[[note]]Recenti ricerche hanno però dimostrato che i colombi sono tra gli uccelli più intelligenti, capaci di contare i numeri e persino di ''riconoscersi allo specchio'' esattamente come gli scimpanzè![[/note]]. Gli esemplari bianchi (detti comunemente ma impropriamente "colombe": la colomba è in realtà [[It/RicercaNonSvolta la femmina]] del colombo) sono da tempi immemorabili associati alla pace e all'innocenza, dall' It/{{Prototropo}} ella colomba di Noé, ma anche per il loro [[It/LaLuceEBuona colore simbolo di purezza]]. Le Tortore vengono regolarmente confuse con i Colombi (soprattutto quelli bianchi).

* '''Galli''': La classica immagine del gallo è quella dell'orgoglioso e impettito "re del pollaio", con un' [[It/{{Cazzuto}} espressione sicura di sè]], pronto a difendere il suo harem di galline dai nemici esterni come volpi e faine. Il canto del gallo ha una simbologia molto importante: dà la sveglia alla fattoria, allontana le tenebre, scandisce il tempo del mondo contadino e allerta di un pericolo. I galli vengono anche citati per la loro tendenza a duellare a morte se messi insieme senza possibilità di fuga (sono famosi i [[It/IPromessiSposi polli di Renzo]]).

* '''Galline''': Il loro clichè è molto diverso da quello dei galli; vengono descritte come ciarliere, paurose, ingenue, facili da adescare e, naturalmente, con cervelli "da gallina". Questo in Italia: nei paesi anglosassoni si dice ''bird-brained'', cervello da uccello: nella cultura popolare ''tutti'' gli uccelli (o quasi) [[It/RicercaNonSvolta tendono ad essere dipinti come stupidi]], anche se nella It/VitaReale gli uccelli possono avere grandi doti intellettive (corvi ''che costruiscono attrezzi'' e pappagalli che ''capiscono quello che dicono'', per fare due esempi). Le povere galline vengono anche prese come simbolo di quelle persone che passano il tempo a far niente di speciale. Sono però anche citate come esempio di madri amorevoli e protettive, e spesso nelle storie sono simpatiche contadinelle che portano a spasso i loro piccoli, pronte a nasconderli sotto le ali in presenza di un pericolo. Sono anche simbolo di ricchezza, per via della loro copiosa produzione di uova. Di solito vengono disegnate col piumaggio bianco.

* '''Pulcini''': Adorabili, indifesi, pigolanti e con un'aria un po' mesta. Spesso presi come simbolo dei bambini piccoli. Naturalmente verranno dipinti di giallo, anche se qui in Italia è famosissima la sovversione di [[It/IlCalimero Calimero]], il pulcino nero che si sente discriminato.

* '''Tacchini''': Simili ai galli, ma considerati tronfi più che cazzuti, a differenza di questi. Negli USA sono molto più importanti che da noi: diversi Americani considerano il tacchino selvatico l' ''effettivo'' uccello nazionale degli USA, al posto dell'Aquila dalla testa bianca. In entrambe le sponde dell'oceano i tacchini vengono associati alle festività: il Natale da noi, l'Indipendence Day e il Thanksgiving Day da loro.

* '''Pavoni (maschi)''': La versione nobile del gallo e del tacchino. Un mito greco vuole che gli "occhi" della coda del pavone erano in origine gli occhi di un mostro ucciso da Minerva; il Cristianesimo lo ha spesso preso come simbolo della resurrezione della carne e rappresentato nell'arte paleocristiana. Oggi il pavone ha però perso quest'aura mitica e tende ad essere mostrato come un personaggio vanitoso e arrogante che cammina snobbisticamente in mezzo agli altri uccelli da cortile. Può essere usato come uno status symbol, e se un personaggio ne ha un paio che vaga nel suo giardino, allora ci saranno ottime possibilità di aver a che fare con un [[It/IlPaperone arcimiliardario]].

* '''Anatre''': Pochi altri animali sono più rappresentati delle anatre nei cartoni animati, un'eredità dovuta in larga parte a Walt Disney, ma ancora di più al suo pupillo Carl Barks con tutta la sua famiglia dei "paperi". A causa della loro andatura le anatre vengono spesso considerate comiche. Molti personaggi-anatre come Paperino e Daffy Duck sono arroganti, irascibili e meno intelligenti di quanto credono. Le anatre però sono anche simbolo di forte volontà e di una grazia nascosta. Nota che il termine "papero" indica in realtà [[It/RicercaNonSvolta il piccolo dell'oca]].

* '''Oche''': Spesso confuse con le anatre nella It/VitaReale, le oche hanno alcune differenze nel loro clichè: in particolare, sono più ciarliere e amano i pettegolezzi. Di solito sono femmine. Famose anche per essere degli ottimi guardiani (le oche del Campidoglio). Anatre e oche sono anche simboli di buona fortuna, di abbondanza e, nel caso delle varietà selvatiche, dell'abilità di ritrovare la strada verso casa (come tutti gli uccelli migratori). Anatre e oche condividono molti tratti anche con le galline: classica la scena in cui portano a spasso i loro anatroccoli/paperi (sempre dipinti di giallo) a farsi una nuotata nello stagno. E possono anche indossare una cuffia da contadinella come le galline.

* '''Cigni''': La versione nobile di anatre e oche. Rispetto ai pavoni i cigni hanno sempre avuto un'immagine più positiva. Il loro piumaggio candido li fa associare alla purezza; il loro modo di nuotare e di corteggiarsi li fa associare alla danza; e sono anche un simbolo di amore delicato.. Non sono mai stati rappresentati come i [[It/ConiglioAssassino tipi aggressivi]] che possono essere nella realtà. Un tempo il "Cigno nero" era solo una metafora inglese per indicare qualcosa di introvabile (come la nostrana "mosca bianca"); il fatto che una specie di cigno dal piumaggio nero ''esiste veramente'' in Australia fu una scoperta clamorosa che ha reso famosa questa specie.

* '''Cicogne''': Tra gli uccelli più cari alla tradizione popolare che le vuole portatrici di buona sorte, e soprattutto trasportatrici di bebè alle loro mamme nel classico lenzuolo bianco. Nei cartoni spesso portano anche i cuccioli di altri mammiferi (Es. in Dumbo). Una volta era usanza raccontare ai bambini piccoli la storia della cicogna quando questi cominciano a chiedere da dove sono venuti.

* '''Aironi, Gru e Fenicotteri''': I grandi uccelli trampolieri tendono ad essere confusi tra loro nella cultura popolare, e a parte la cicogna, non hanno dei caratteri ben distinti nelle storie. Tutti vengono ricordati per la loro grazia ed eleganza nell'aspetto e nel volo, oppure per la loro goffaggine quando si muovono sul suolo. Gli aironi sono i trampolieri più comuni: rappresentati come solitari, dignitosi, calmi ma con ottimi riflessi. I fenicotteri sono la loro versione esotica (sono famosi quelli di Alice usati come mazze da golf), e verranno sempre disegnati ''rosa'' (nella It/VitaReale molti di loro sono bianchi). E non aspettatevi che venga ricordato il loro modo insolito di mangiare (filtrano il plancton acquatico proprio come le balene!), a meno che non guardiate un documentario. Quanto alle gru, tendono ad essere confuse con gli aironi ([[It/SupposizioniDiMassaSelvagge alcuni]] suppongono che le famose "gru" di Boccaccio siano di fatto degli aironi), ma sono anche note per le loro spettacolari danze nuziali.

* '''Pellicani''': Un tempo erano simboli di amore materno, per via della leggenda secondo cui le madri nutrono i piccoli con i propri visceri. Oggi vengono ricordati soprattutto per essere grandi volatori e pescatori (sebbene, come i trampolieri, possono anche essere descritti come goffi e comici). I pellicani antropomorfi possono pilotare aerei (JetMcQuack dei Ducktales), mentre quelli realistici trasportano spesso dei passeggeri dentro il becco a sacca (cosa impossibile nella realtà, ovviamente...). Un classico è di disegnarli con una ''sacca penzolante come un borsello'' (nella It/VitaReale è tesa sotto il becco in condizioni normali).

* '''Gabbiani''': Sempre associati al mare, anche se nella It/VitaReale vivono anche in fiumi, laghi, campagne e persino grandi città. Possono essere sia tipi ingordi, chiassosi e privi di dignità (spesso rubano il pesce ai pescatori umani), sia aggraziati simboli di libertà, coraggiosi nell'affrontare le intemperie. Comunque, quasi sempre mostrati in gruppi. Non aspettarti che venga fatta una distinzione tra le due specie di gabbiani comunemente avvistate, il "comune" e il "reale". I disegni di gabbiani tendono ad assomigliare al Gabbiano Reale perchè è [[It/RegolaDelFigo più appariscente]]. Nella It/VitaReale il "[[It/GiocoDiParoleTristissimo reale]]" è un predatore aggressivo che attacca anche altri uccelli.

* '''Albatri''': Sono famosi per i loro lunghissimi viaggi transoceanici, quindi saranno presentati come instancabili viaggiatori, vagabondi dell'oceano senza una meta. Nella letteratura anglosassone hanno un ruolo molto più importante che in quella italiana; possono portare fortuna oppure, come credevano molti marinai del passato, annunciare tempeste.

* '''Pinguini''': In questi ultimi anni i pinguini hanno avuto molta considerazione nel cinema. Ma sono sempre stati [[It/TuttoDiventaMiglioreConUnPinguino animali popolarissimi]] (anche nei documentari), ovviamente per la loro somiglianza con l'uomo. La loro andatura eretta e il loro piumaggio li fa immaginare come damerini dignitosi e ridicolmente goffi, indosseranno un frac, e saranno camerieri d'alta classe. Naturalmente in acqua diventano tutta un'altra cosa, eleganti e aggraziati. Sia in terra che in acqua saranno sempre allegri e ottimisti, a dispetto della durezza del loro clima. Sono ''sempre'' associati al ghiaccio, anche se molti pinguini del mondo reale colonizzano spiagge rocciose o sabbiose. E sebbene siano esclusivi dell'emisfero australe, aspettatevi che vengano mostrati anche [[It/NaturaNelPostoSbagliato al Polo Nord]].

* '''Pappagalli''': Gli uccelli esotici per eccellenza, sempre associati a isole tropicali e compagni inseparabili di pirati e marinai. Il ritratto più comune li vuole ciarlieri, saccenti e pettegoli fino a rasentare l'insopportabilità (tanto che finiscono per essere [[It/LoZimbelloDiTutti malmenati da tutti]]). Ma potranno anche essere sensibili, amichevoli, o inclini alla malinconia. Di solito dipinti di verde. E naturalmente ripetono le parole che sentono, in particolare le ultime sillabe. I pappagallini o "cocorite" tendono ad essere simili ai canarini, quindi teneri, graziosi e tristi per aver perduto la loro libertà. Interessante notare che un tempo in Europa i pappagalli erano tenuti in grande onore, e spesso furono utilizzati come status symbol come i pavoni.

* '''Tucani''': Famosi per i colori e per il becco enorme, sono anch'essi simbolo di esotismo. Spesso descritti come una sorta di "buffoni" o di "clown", per via dei disegni colorati sulla testa che ricordano quelli dei clown umani. Tendono a comparire in ogni parte del mondo in cui vi sono foreste tropicali, mentre nella It/VitaReale vivono solo in Sudamerica (Zazu del It/ReLeone non è un tucano, bensì un uccello simile, il Bùcero)

* '''Pulcinella di Mare''': Uccello marino poco noto da noi ma molto conosciuto in Inghilterra e negli USA, il Pulcinella di Mare compare talvolta nei cartoons anglosassoni. Aspettatevi che i nostri doppiatori lo chiamino [[It/RicercaNonSvolta pinguino]]. Effettivamente questi uccelli somigliano a dei pinguini, però ''possono volare''. La loro popolarità è dovuta al loro becco colorato e la loro "faccia da clown", per cui possono essere considerati versioni nordiche dei Tucani.

* '''Colibrì''': Sotto molti punti di vista ricordano le farfalle: minuscoli e colorati, succhiano il nettare dai fiori, possono ''volare all'indietro'' e le loro ali ronzano come quelle di un insetto. Possono apparire occasionalmente nei cartoni, ma di solito vengono rappresentati in modo realistico, e non avranno una personalità specifica.

* '''Gufi / Civette''': Tra gli uccelli più adatti ad essere umanizzati, per la loro espressione quasi umana (per alcuni è un esempio di It/UncannyValley). Due immagini molto contrastanti caratterizzano questi uccelli: 1) Creature sagge e dignitose, oracoli del bosco con un'aria severa e imperturbabile, spesso con It/OcchialoniDaSecchione. Interpretano sovente il ruolo dei professori delle "scuole di animali" (di solito noiosi e saccenti). 2) Sinistri annunciatori di disgrazie, notturni, e compagni preferiti di maghi e streghe, il cui canto rompe il silenzio della notte e inquieta gli animi. Le due immagini possono anche combinarsi, e allora potremo avere gufi saggi compagni di maghi, come in It/HarryPotter. Possono anche essere gli antagonisti nelle storie in cui gli eroi sono piccoli mammiferi. Oppure sono parte delle It/CreatureDelBosco insieme ai daini, ai conigli, agli scoiattoli e agli uccellini. Non aspettatevi che venga fatta distinzioni tra i vari tipi di rapaci notturni (può essere giustificato nei media anglosassoni: ''tutti'' questi uccelli in inglese si chiamano "Owl"). E non dimentichiamo che nella It/VitaReale alcuni di loro sono anche ''diurni''.

* '''Aquile''': Ecco qui la "regina degli uccelli", antico simbolo di nobiltà e coraggio, spesso trattata quasi come un'incarnazione di Dio. It/IlDilemmaDelCarnivoro può però farla presentare come una creatura terrificante. Un classico clichè è quello dell'aquila ghermitrice di bambini che trasporta nel suo nido (di solito situato in cima al cocuzzolo di una montagna) per darli in pasto ai suoi aquilotti: anche se nella It/VitaReale nessun'aquila potrà mai trasportare in volo un essere così pesante come un bambino. L'espressione feroce del loro sguardo le fa immaginare come seriose e dignitose. Possono anche interpretare personaggi geniali come scienziati e inventori (Archimede Pitagorico è un ottimo esempio), costituendo assieme ai gufi un'eccezione all'idea dell' "uccello cretino". Nei media americani la specie-modello è di solito l' Aquila testa-bianca (il simbolo nazionale), mentre in Europa è, naturalmente, l'Aquila reale.

* '''Falchi''': Confusi con le Aquile. Di solito tendono ad essere più astuti e meno dignitosi delle aquile, e sono noti per la loro velocità eccezionale (una specie del mondo reale, il Falco Pellegrino, è l'animale più veloce del pianeta quando vola in picchiata). I "falchi" dei cartoons tendono ad essere generici, ma molti di essi sono modellati sulla Poiana Americana; nei cartoni il [[http://www.youtube.com/watch?v=33DWqRyAAUw verso della Poiana americana]] viene sempre attribuito anche a ''tutti'' gli altri rapaci.

* '''Avvoltoi''': Le versioni vili e degradate delle aquile, privi del suo coraggio e della sua dignità; spesso scelti come compagni di streghe, al pari dei gufi. Comunque, ''sempre'' associati con la morte. Questa associazione è dovuta al fatto che nella It/VitaReale mangiano animali morti o uccisi da altri (ma vedi It/IlDilemmaDelCarnivoro per cogliere l'ipocrisia nel rappresentare i mangiacarogne come "spregevoli"). È frequente, tuttavia, rappresentarli come attivi predatori e come razziatori... forse perchè il tuo scrittore non vuole usare la [[It/BelloUgualeBuono nobile aquila]] in questo ruolo. Dopotutto, come può una creatura così eccelsa abbassarsi a commettere azioni di tale viltà? E allora facciamole fare ai poveri avvoltoi, ti pare? E non aspettatevi che venga fatta distinzione tra i diversi tipi di avvoltoio: verranno tutti rappresentati con la classica testa nuda e rosa, [[It/UncannyValley vagamente simile]] a quella di un uomo calvo.

* '''Struzzi''': Gli struzzi hanno un ruolo singolare negli stereotipi animali: essendo uccelli corridori che non volano, vengono associati più a zebre e antilopi che agli uccelli "tipici". Noti soprattutto per le loro caratteristiche fisiche, gli struzzi vengono raramente umanizzati e non hanno una vera e propria "personalità" nelle storie. Comunque il ritratto più classico li vuole timidi, ansiosi e sempre pronti a nascondere la testa sottoterra al minimo segnale di pericolo (una cosa inverosimile se ci pensate: quanti di voi nasconderebbero la testa sottoterra avendo appresso qualcuno che vuole mangiarvi?) Si attribuisce loro un appetito onnivoro e ingurgiteranno ogni sorta di oggetto che trovano, causando problemi ai personaggi umani quando mangiano oggetti determinanti per la trama del racconto. Possono essere anche mostrati come ballerini di danza classica. Comunque, avranno sempre il piumaggio bianco e nero dei maschi (le femmine della It/VitaReale sono marroncine), e al tempo stesso avranno [[It/LogicaDaFrigo lunghe ciglia femminili]]. I parenti "stranieri" dello struzzo compaiono raramente in TV: l'australiano Emù e il sudamericano Nandù, se appaiono, verranno chiamati [[It/RicercaNonSvolta struzzi]]. Può talvolta comparire anche il Kiwi, uccello poco noto da noi ma famosissimo nei paesi di lingua inglese per essere il simbolo nazionale della Nuova Zelanda. E il Bip-Bip della WarnerBros ''non'' è uno struzzo, ma un uccello nordamericano parente del cuculo, il Roadrunner o "Corridore della strada": un uccello che normalmente corre, ma ''può anche volare''.
[[/folder]]

[[folder:Rettili e Anfibi]]
* '''Rettili in generale''': Vi siete mai chiesti cosa accomuna tra loro animali tanto diversi come il Tirannosauro e la Tartaruga, il Triceratopo e la Vipera, lo Pterodattilo e il Geco? La risposta è semplice: ''nulla''. I cosiddetti "rettili" sono in realtà un gruppo artificiale che comprende tutti quei vertebrati totalmente terrestri che non sono nè Mammiferi nè Uccelli; anzi, il termine rettile è di origine recente, è stato coniato solo nel '700. È difficile parlare dei stereotipi che riguardano i rettili in generale, proprio perchè sono un gruppo così diversificato. C'è però una tendenza generalizzata nei media popolari: quella di rappresentarli come [[It/IRettiliSonoRipugnanti creature orripilanti]] (a parte qualche eccezione). Perchè questo? È difficile dirlo. Come tutti i memi e gli archetipi culturali, anche questo ha delle origini che non sono facili da spiegare: ad ogni modo, guardate il tropo [[ReptilesAreAbhorrent I Rettili Sono Ripugnanti]] che parla del gruppo in generale, e It/IDinosauriSonoDraghi per i rettili preistorici.

* '''Dinosauri''': Nessun altro animale è così mal conosciuto come i Dinosauri, a dispetto della loro grande popolarità. Gran parte delle cose che sentiamo dire su di loro, o sono frutto di fantasia, o sono il risultato di ricerche scientifiche che per la loro stessa natura non dicono ''mai'' delle verità assolute, ma possono solo fare delle ipotesi. Questo spiega perchè il modo di ricostruire i dinosauri [[It/LaScienzaAvanza è così cambiato nel corso degli anni]]. Prima degli anni '70 gli scienziati li descrivevano come “lucertoloni” lenti e tardi di mente, e i paleo-artisti si sono spesso divertiti a disegnarli come "mostri" che passano la vita a combattersi [[It/PreistoriaHollywoodiana in un paesaggio infernale pieno di vulcani]]. Invece l’opinione scientifica attuale li vuole creature agili, intelligenti e affettuose verso i loro piccoli, più simili a mammiferi e a uccelli che a "lucertoloni". A quanto pare, i mass-media popolari fanno fatica a tenere il passo della scienza: infatti può capitare ''ancora oggi'' di vederli presentati alla vecchia maniera, sebbene i prodotti di maggior successo (come Franchise/JurassicPark) tendono ad essere più accurati e aggiornati. Ma persino l'opera meglio documentata ''conterrà sempre qualche errore'': frequenti sono i casi di It/NaturaNelPostoSbagliato, le imprecisioni nel disegno degli animali, e naturalmente l'onnipresente tropo [[It/IlDilemmaDelCarnivoro I Predatori Sono Perfidi]]. Persino molti documentari "scientifici" non si sottraggono al gioco. Insomma, qui è proprio la It/RegolaDelFigo a farla da padrona, niente da fare. I tipi più noti di dinosauri hanno i loro propri stereotipi: per vederli, va nel tropo It/ISolitiDinosauri.

* '''Coccodrilli / Alligatori''': A causa del loro aspetto, nei media vengono spesso descritti come [[It/RicercaNonSvolta "lucertoloni"]], ma in realtà sono più affini agli uccelli che a qualsiasi altro rettile moderno (strano ma [[It/VitaReale vero]]). In ficton svolgono il ruolo di “squali d’acqua dolce”, più lenti ma altrettanto affamati di carne umana (tuttavia nella realtà questi animali attaccano gli uomini raramente, e più per difendere i loro nidi che per altro). Il fatto che si si prendono cura dei loro piccoli verrà sempre ignorato in una storia, per non far perdere il fattore It/IRettiliSonoRipugnanti. Di solito non hanno una personalità specifica, e tendono ad apparire in maniera realistica. Possono comunque essere definiti come "ipocriti" per via della storiella delle "lacrime di coccodrillo" (in realtà una leggenda). Verranno sempre collocati in fiumi e paludi tropicali, mentre in realtà vivono anche in altri ambienti (una specie può vivere persino in ''mare''); non aspettarti che venga fatta differenza tra coccodrilli, alligatori e caimani (potranno persino essere trattati come [[It/SeNeSonoProprioFregati sinonimi]]). Possono anche essere associati a qualcosa di "preistorico" (una volta tanto, It/VeroInTelevisione: i coccodrilli sono parenti stretti dei dinosauri e sono comparsi sulla Terra nello stesso periodo).

* '''Serpenti''': Per molte persone "rettile" e "serpente" [[It/RicercaNonSvolta sono la stessa cosa]]. A molte persone i serpenti appaiono creature "aliene" a causa delle loro caratteristiche particolari, e forse nessun altro animale è capace di suscitare nell'uomo una reazione emotiva altrettanto forte. Tuttavia il loro "ritratto" varia a seconda delle culture: qui in occidente sono da sempre la [[It/IRettiliSonoRipugnanti Malvagità e l'Inganno personificati]], e per molte persone sono creature che sembrano esistere apposta per spargere ovunque morte e devastazione. Questa immagine così sinistra (e ingiusta) è stata certamente influenzata dal racconto biblico [[It/PiuVecchioDiMatusalemme del peccato originale]], che conferisce loro una perenne aura diabolica. Ben diverso è il loro ruolo nei paesi orientali: i serpenti laggiù vengono usati per rappresentare saggezza, rinascita e/o immortalità. Esistono altri tratti associati ai serpenti. Per via della loro flessuosità possono essere presentati come seducenti e sensuali; nei cartoni animati parlano ''sempre'' con [[It/ParlataDelSsssserpente le S allungatissime]] e spesso ipnotizzano le loro vittime prima di attaccarle (una capacità del tutto fantasiosa). I vari tipi di serpenti possono variare leggermente il loro stereotipo: i serpenti velenosi sono di solito quelli più malvagi (in particolare i cobra), e non vengono ''mai'' rappresentati come "buoni" salvo qualche rara sovversione; quelli costrittori come i pitoni possono essere mostrati in maniera meno negativa (L'originale LibroDellaGiungla è emblematico: Kaa il pitone è uno degli amici dell'eroe Mowgli, mentre Nag il cobra è l'incarnazione del male). I grandi serpenti costrittori vengono spesso esageratamente ingigantiti e allungati, divenendo capaci di ingoiare animali impossibili nella It/VitaReale: nel caso-limite, persino ''[[It/AlDiLaDellImpossibile elefanti]]''. Ad ogni modo, ricordate sempre che nella It/VitaReale i serpenti sono solo degli esseri che lottano per la sopravvivenza; esseri che ''possono'' provare sofferenza al pari di '''tutti''' gli altri animali; e che nessun animale, a parte l'uomo, ''possiede la conoscenza del bene e del male''. Non esistono quindi animali [[It/CaoticoMalvagio malvagi di natura]] sulla Terra, siamo noi uomini che per pregiudizio proiettiamo da sempre le nostre virtù e i nostri difetti su di loro.

* '''Lucertole / Iguane''': Esiste molta confusione sul termine "lucertola": spesso vengono chiamati così anche animali come coccodrilli e salamandre, che conle lucertole hanno solo una vaga somiglianza (così come le vecchie ricostruzioni dei dinosauri). Esempi di lucertole ''vere'' sono il geco, il ramarro, il camaleonte, l’iguana, il varano, e naturalmente la comune lucertola dei muri. Essendo molto diverse tra loro, il loro stereotipo tende a variare: le lucertole dei muri sono note per la loro grazia e vengono associate al caldo e alla bella stagione. Le lucertole più grandi, come iguane e varani, vengono spesso impiegate nel ruolo di “draghi" o di “tirannosauri a quattro zampe” (nonostante che le iguane reali sono ''vegetariane''). I gechi e i camaleonti hanno un’immagine più complessa (vedi sotto). Buona fortuna se trovate un ramarro in TV. Da notare che nei cartoni le lucertole (in realtà ''tutti'' i rettili e anfibi) saranno di solito dipinte di verde, mentre in [[It/VitaReale realtà]] possono essere di tanti altri colori, al pari degli uccelli e delle farfalle.

* '''Gechi''': Frequentemente rappresentati nei disegni, i gechi hanno un'immagine che varia a seconda del paese di provenienza dell'autore: negli Usa vengono considerati animali simpatici e tendono ad essere rappresentati in maniera positiva, mentre nel folclore di molti paesi europei tendono ad essere considerati con maggiore avversione al punto da essere temuti (mentre in realtà sono inoffensivi e molto utili come mangiatori di insetti infestanti). Sono noti anche per la loro sorprendente capacità di arrampicarsi sulle superfici lisce verticali.

* '''Camaleonti''': I camaleonti della It/VitaReale hanno molti tratti insoliti: gli enormi occhi dalla forma strana e che girano in modo indipendente, le zampe a pinza, la coda a ricciolo, l'enorme lingua lunga quanto il corpo, e i movimenti "ondeggianti". Eppure, la loro notorietà è dovuta unicamente a un'altra caratteristica: la loro capacità di mutare colore, condivisa in realtà da molti altri animali, come polpi e sogliole, che anzi sono ''di gran lunga più veloci dei camaleonti nel cambiare colore''; [[It/PiccoliGruppiDiRiferimento ma questo fatto viene di solito ignorato]]. È classico mostrare i camaleonti come capaci di assumere ogni colore e disegno immaginabili, mentre nella It/VitaReale le singole specie possono assumere solo pochi schemi cromatici di base; e non è vero che mutano colore per camuffarsi come si crede; in realtà i cambiamenti sono dovuti a motivi diversi (ad esempio per manifestare il proprio stato di salute o per comunicare informazioni ai loro simili). Siccome sono noti essenzialmente per un elemento fisico, i camaleonti non vengono sempre umanizzati: possono comunque essere dipinti come dei tipi abili nel nascondersi, privi di ideali loro propri e che tendono opportunisticamente ad adeguarsi alle correnti di pensiero dominanti. Possono essere presentati in maniera più o meno positiva, e costituiscono una delle poche eccezioni (tra le non-tartarughe) di "rettili non ripugnanti". Spesso i disegnatori attribuiscono il comportamento di acchiappare gli insetti con la lingua [[It/RegolaDelFigo a lucertole diverse dal camaleonte]], in particolare alle iguane.

* '''Tartarughe / Testuggini'''[[note]]I due termini non sono sinonimi come quasi tutti pensano: Tartaruga indica ''solo le specie marine'', mentre "testuggine" indica quelle d'acqua dolce e terrestri; tuttavia per comodità qui li useremo come sinonimi.[[/note]]: Bè, è vero: le Tartarughe costituiscono la grande eccezione alla regola de It/IRettiliSonoRipugnanti, forse perchè appaiono lente e indifese, o forse per la loro alimentazione vegetariana (ma in realtà solo le tartarughe terrestri corrispondono a questa immagine; quelle acquatiche sono spesso ''carnivore'' e molte di loro sono veloci nel nuoto). Le tartarughe sono classicamente ritratte come [[It/PotereTartaruga pazienti e sagge]]. Il loro aspetto rugoso, il becco sdentato e la loro ben nota [[It/VitaReale longevità]] (spesso fortemente esagerata, poichè di solito non superano i 50 anni di vita) sono tutti elementi che le fanno assomigliare a delle "vecchiette", per cui verranno presentate come dei personaggi anziani, spesso il membro più vecchio del gruppo di animali di cui fanno parte. Un'altro ruolo classico è quello del personaggio tranquillo e sciocco, amico di animali più irrequieti e furbi come conigli o scoiattoli (es. nel film disneyano ''Robin Hood''). Sovversioni e inversioni sono però comuni, e non mancano personaggi-tartaruga eroici o cazzuti. Tutte le tartarughe, terrestri o acquatiche che siano, condividono questi elementi di personalità, con l'unica eccezione di quelle "azzannatrici" che vengono sempre presentate come "rettili sinistri". Quelle terrestri saranno ''sempre'' golose di insalata come le chiocciole (con le quali condividono molti elementi del loro clichè, incluso il vivere dentro una "casa portatile"). E a proposito di case portatili, una gag comune nei cartoons è di mostrare le tartarughe capaci di uscire completamente dal loro guscio (cosa inverosimile: la corazza delle tartarughe reali ''è parte integrante della gabbia toracica''!). [[It/SupposizioniDiMassaSelvagge Alcuni sostengono]] che l'E.T. di Rambaldi sia in realtà una tartaruga a cui sia stata tolta la corazza.

* '''Salamandre / Tritoni''': Nella cultura popolare gli anfibi vengono essenzialmente identificati con le rane e i rospi. Le salamandre e i tritoni, anch'essi anfibi, vengono generalmente confusi con le lucertole per via della loro forma, e tendono ad essere piuttosto ignorati dai media. Esiste tuttavia una specie, la Salamandra gialla-e-nera che vive in Europa, che malgrado sia del tutto inoffensiva è oggetto da secoli di leggende incredibili e fantasiose. Già i Romani le associavano al fuoco, e si diceva che fossero capaci di accenderlo o spegnerlo a piacimento, così da costituire un eventuale pericolo per le altre creature; una versione più innocua della leggenda le descrive come gli unici animali in grado di rimanere vivi dopo essere usciti dalle fiamme. Quindi, le rare volte in cui le salamandre vengono mostrate nelle storie, ci sarà probabilmente qualche associazione col fuoco.

* '''Rane / Rospi''': Nonostante siano tra gli animali più comuni nelle storie di [[It/AnimaleBuffo animali parlanti]], rane e rospi non hanno di solito una "personalità" specifica. Spesso vengono umanizzati in persone grasse e goffe nei movimenti, ma dignitose e vestite elegantemente, spesso presuntuose e tronfie (quest'ultimo dettaglio deriva dal loro comportamento [[It/VitaReale reale]] di "gonfiare il corpo" quando cantano). Spesso vengono presentati come personaggi [[It/IlCalimero incompresi da tutti]], ma dotati di abilità nascoste che usciranno fuori solo quando qualcuno finalmente si deciderà ad ascoltarli (La favola del Principe Ranocchio è il probabile It/{{Prototropo}}). Comunque, saranno sempre associati a qualche stagno (nella It/VitaReale molte specie sono terrestri o arboricole), e inoltre ''saranno sempre saltellanti'' (nella realtà sono molte le specie che camminano piuttosto che saltare). Sebbene vengano spesso confusi nella It/VitaReale, rane e rospi hanno cliché distinti: le prime tendono ad essere mostrate più amabili e vivaci, amanti del canto (come gli uccellini e i grilli), e tipicamente sedute sopra una foglia di ninfea circondate dai fiori di quella pianta. I rospi invece appariranno di solito più sgradevoli e possono anche essere presentati nel ruolo dei cattivi, per via della loro presunta [[It/QuantoContaUnNonBello "bruttezza"]]. Le raganelle vengono di solito confuse con le rane. Infine, i girini non compaiono quasi mai nei cartoni; di conseguenza, non escludiamo che ti possa capitare di vedere una rana ''[[It/BocciatoPerSempreInBiologia uscire dall'uovo già adulta]]''...
[[/folder]]

[[folder:Pesci]]
* '''Pesci in generale''': Nella It/VitaReale, i cosiddetti "pesci" (nome generico con cui si indicano Vertebrati acquatici assai diversi tra loro) hanno essenzialmente la funzione di fornire cibo all'umanità. Possono anche essere usati come ornamenti negli acquari, ma non vengono di solito considerati come esseri dotati di sentimenti e/o di intelligenza, a differenza dei mammiferi e degli uccelli. Spesso ci sembrano delle semplici macchinette per nuotare e mangiare e poco altro. Inoltre in natura moltissimi animali cosiddetti "superiori" (i soliti mammiferi e uccelli, per intenderci) se ne cibano con regolarità. Non è sorprendente, quindi, che in finzione i pesci siano tipicamente trattati come [[It/PesceNonDaCartone Pesci Non Da Cartone]], ossia rappresentati in maniera realistica e non antropomorfizzati. Partendo dall' [[It/RicercaNonSvolta errato presupposto]] di una loro presunta assenza di emozioni, i pesci tendono ad essere dei [[It/IlDilemmaDelCarnivoro pasti disponibili]] nelle storie con animali umanizzati, tranne in quei rari casi in cui i protagonisti sono proprio loro (ma anche così non è detto che si salvino...) I pesci dei cartoons tendono di solito ad essere molto generici, e spesso è un' impresa riconoscere in mezzo a loro qualche specie della It/VitaReale; spesso tendono ad assomigliare a dei Pesci Rossi con It/ScambioDiPalette. In compenso, si prestano molto bene per rappresentare un "mondo parallelo" al nostro, "il mondo in fondo al mar" (come dice la famosa canzone). I diversi personaggi ittici allora saranno equivalenti a precisi animali terrestri, spesso con il risultato di abbinamenti del tutto fantasiosi. Esistono però anche delle associazioni che sono ormai classiche.

* '''Pesci rossi''': I pesci d'acquario per antonomasia, vengono sempre collocati nella classica boccia di vetro, nella quale nuoteranno in tondo: è comune mostrarli in una situazione di rischio, o per via dei gatti che cercano di mangiarli, o perché i padroni umani compiono qualche azione che può mettere in pericolo la boccia. E saranno ''sempre'' rosso brillante, letteralmente (nella realtà possono essere anche di altri colori, comunque non sono mai di un rosso così acceso). Essendo gli unici pesci che la maggior parte di noi può vedere dal vivo con regolarità, i pesci rossi sono diventati il classico modello del "pesce generico", che quindi avrà una bocca piccola con labbra grandi, nessun dente visibile, squame rotonde ed evidenti, pinne molli senza spine, boccheggerà continuamente o addirittura nuoterà in tondo.

* '''Pesci d'acqua dolce''': Mentre i pesci marini hanno qualche possibilità di essere umanizzati, quelli d'acqua dolce invece saranno ''quasi sempre realistici'', forse perchè è difficile immaginarsi un "mondo in fondo al fium"... Se non sono generici, allora i pesci mostrati sono di solito la trota, la carpa, il luccio, il pesce gatto o il salmone (ma nella It/VitaReale quest'ultimo divide la sua vita a metà tra i fiumi e il mare). Una classica scena è quella di un pescatore con la lenza che lotta strenuamente contro un grande pesce preso all'amo lungo la riva di un fiume: questo pesce può alternarsi tra il luccio, la carpa o un pesce-gatto gigante.

* '''Pesci tropicali''': I pesci colorati delle barriere coralline vengono usati nello stesso modo con cui vengono usate le farfalle nelle storie "sulla terra": ossia come "meraviglie della natura" che non mancano mai di incantare gli esseri umani che si immergono nelle profondità marine (It/VeroInTelevisione: la fortuna turistica di molte località tropicali è dovuta anche alla presenza di questi animali). Gli autori però si divertono spesso a collocarli anche ''in mare aperto'', o nei casi limite, [[It/RegolaDelFigo ovunque vi sia un po' d'acqua]]. I pesci più usati sono i Pesci angelo, farfalla, chirurgo, pagliaccio e balestra (nei rari casi in cui è possibile distinguerli...).

* '''Pesci abissali''': Con le loro caratteristiche molto singolari (che vanno dall'emissione di luce alla capacità di ingoiare animali più grandi di loro), i pesci abissali dovrebbero [[It/RegolaDelFigo attirare l'attenzione degli autori]]: e invece, stranamente, ''[[It/PiccoliGruppiTassonomici non compaiono mai in finzione]]'' (la presenza di uno di questi nel popolare cartone It/AllaRicercaDiNemo può essere considerata un'inaspettata sovversione).

* '''Anguille / Murene''': Le anguille sono classicamente considerate gli equivalenti acquatici dei serpenti, per via della loro forma allungata: essendo però inoffensive nella It/VitaReale, possono essere anche un esempio di creature di cui solo gli stupidi hanno paura (la frase "non è un serpente, è solo un'anguilla!" è quasi un tropo a sè). Al contrario le murene, a causa del loro aspetto feroce e della loro immeritata fama di essere velenose, vengono tipicamente viste come l'equivalente marino dei serpenti velenosi, quindi saranno infide e pericolose, capaci addirittura di ''divorare subacquei'' (mentre nella It/VitaReale non possono assolutamente fare una cosa del genere: se qualche volta li mordono è solo per semplice autodifesa). Un discorso a se' è quello delle cosiddette "anguille elettriche" (che in realtà [[It/RicercaNonSvolta non sono neppure anguille]]): è classica la scena in cui le si collega a un cavo elettrico per accendere lampadine o persino per mettere in funzione elettrodomestici (cosa altamente improbabile nella realtà).

* '''Cavallucci marini''': Sono considerati l'equivalente subacqueo dei cavalli persino nel nome: dunque, verranno usati come cavalcatura da altri personaggi oppure potranno trainare carrozze sottomarine, come quella famosa del dio Nettuno. Sono anche tra gli animali che simboleggiano maggiormente il mare nella cultura popolare grazie alla loro forma particolare, e sono tra i pochi pesci a non venire ''mai'' considerati come un potenziale cibo. Ma non aspettarti che si faccia menzione di altre loro caratteristiche insolite, come il fatto che ''i maschi hanno un marsupio nel quale covano le uova delle femmine''; nè aspettati che vengano identificati come pesci (tranne che in quei casi in cui ''tutti'' gli animali marini vengono chiamati indistintamente "pesci"). È anche singolare il fatto che i loro parenti stretti, i Pesci Ago, non vengano mai mostrati, malgrado condividino con i cavallucci marini una forma del corpo singolare (questa volta [[It/EsattamenteComeDiceLEtichetta a forma di ago]]) e lo stesso inusuale modo di curare le uova.

* '''Pesci palla''': Noti per la forma che assumono quando sono in pericolo, i pesci palla possono apparire nelle storie subacquee [[It/RicercaNonSvolta con una forma costantemente sferica]] (nella It/VitaReale la loro forma consueta non è assolutamente quella!); possono essere usati letteralmente come una palla da altri personaggi acquatici. Inoltre saranno di solito lisci, mentre nella realtà sono interamente ricoperti da piccole spine. È curioso che il loro stretto parente, il Pesce Istrice, non compaia nelle storie nonostante abbia aculei più grandi e spettacolari. Così com'è singolare la totale assenza in televisione (a parte qualche rara apparizione nei documentari) di un altro cugino, l'enorme Pesce Luna, a dispetto del fatto che può pesare una tonnellata ed è il più grande pesce esistente nei mari (se si escludono gli squali e le mante).

* '''Pesci volanti''': Di solito tendono ad essere rapprentati "a forma di pesce rosso" con pinne pettorali più grandi (mentre nella realtà sono più simili a sardine), e saranno letteralmente capaci di volare ''sbattendo queste pinne'' proprio come fossero ali di uccello, mentre nella It/VitaReale possono solo planare sull'acqua per un certo periodo dopo aver fatto un balzo orizzontale fuori da questa. Una scena comune è quella di vederli fuggire dalle reti da pesca con questo loro improbabile "volo" battuto, con grande disappunto del pescatore umano.

* '''Pesci con gli "attrezzi"''': Esistono tre grandi pesci marini che devono il loro nome alla forma del loro capo: Pesce-spada, Pesce-sega e Pesce-martello. Mentre il primo appare sempre realistico (in quanto è frequente vederlo nei mercati), gli ultimi due hanno spesso il muso ''letteralmente'' a forma dell'utensile in questione, e tendono a essere disegnati in modo simile al pesce-spada (mentre in realtà sono parenti degli squali e delle razze). Tutti e tre, comunque, useranno le loro appendici allo stesso modo in cui gli uomini usano i suddetti oggetti: quindi, gli "spada" combatteranno come spadaccini, i "sega" taglieranno qualcosa/qualcuno e i "martello" picchieranno qualcosa/qualcuno. Ad ogni modo, saranno sempre dei tipi [[It/{{Cazzuto}} cazzuti]], dai quali è meglio stare alla larga. Quesi pesci possono persino essere usati come semplici ''arnesi'' da qualche sommozzatore o da un animale parlante.

* '''Razze / Mante''': Per la loro forma e il loro modo di nuotare le razze vengono paragonate ad animali volanti come le farfalle, gli uccelli o i pipistrelli, ma in particolare con questi ultimi. Mentre le normali razze tendono ad essere caratterizzate in maniera vaga (sostanzialmente servono solo per aggiungere ulteriore varietà al popolo ittico), le enormi mante, a causa della loro immeritata nomea di "diavoli di mare", vengono spesso presentate nel ruolo del cattivo, anche se nella [[It/VitaReale realtà]] sono assolutamente inoffensive per l'uomo. Curioso che gli autori vogliano usare le mante e non le Torpedini elettriche e le Pastinache velenose.

* '''Squali''': Se per caso sei in un film e per qualche motivo ti trovi solo e sperduto in mezzo al mare, allora sta pur certo che ne verranno alcuni subito pronti a [[It/TuttoDiventaAncoraPeggioreConUnoSqualo complicarti la vita]]. Soprattutto dopo lo straordinario successo de "Lo Squalo" di Spielberg nel 1975, questi animali sono diventati i Terrori del Mare per eccellenza, sostituendo in questo ruolo personaggi storici come i vari Moby Dick, Orche assassine, Serpenti di mare, Piovre giganti e così via. Oggi sono praticamente i [[It/CattivoDesignato cattivi designati]] di ''tutte'' le storie ambientate nel mare, sia quelle aventi come eroi delle persone sia quelle con protagonisti altri animali. Due rappresentazioni ormai classiche sono: -la scena in cui dei bagnanti fuggono in preda al panico dopo che uno di essi ha visto una pinna triangolare che solca la superficie del mare; - quella in cui suddette pinne nuotano in tondo attorno a una minuscola isola sperduta (avente come vegetazione una singola palma) sulla quale uno sconsolato naufrago chiede inutilmente aiuto. Gli squali vengono spesso anche contrapposti ai delfini, i classici "eroi" che salveranno i protagonisti dai loro feroci attacchi. Ma nella Realtà, ovviamente [[It/SeNeSonoProprioFregati le cose vanno in modo molto diverso]]; gli attacchi agli uomini sono infatti molto rari, e il più delle volte siamo ''noi'' a procurarli. Gli squali si sono evoluti per milioni di anni prima della comparsa dell'uomo, dunque il loro cervello non codifica la nostra specie come cibo. E non sono neppure delle "stupide macchine per mangiare" che diventano [[It/PazzoFurioso folli]] quando annusano una goccia di sangue, come si sente dire spessissimo: al contrario, hanno una vita sociale e comportamenti complessi. Lo Squalo Bianco è ovviamente il membro più rappresentato della famiglia essendo il più grande pesce predatore dell'era attuale; più raramente possono comparire altre specie più piccole. Invece il gigantesco Squalo Elefante e l'ancora più grande Squalo Balena, siccome sono due innocui filtratori di plancton invece che attivi predatori, non verranno mai mostrati...

* '''Barracuda''': Un pesce poco conosciuto in Europa ma molto famoso negli Stati Uniti, il barracuda viene classicamente usato come sostituto del pescecane quando un autore sente il desiderio di non seguire il solito cliché; in realtà facendo così il nostro autore fallirà il suo proposito di essere originale, poichè il barracuda verrà presentato in modo simile allo squalo e seminerà terrore tra gli altri personaggi del mare (per questo pesce valgono le stesse considerazioni fatte per gli squali riguardo all'effettivo comportamento nella It/VitaReale; gli attacchi sono estremamente rari e quasi sempre provocati dagli uomini).

* '''Piranha''': Nei fiumi tropicali il classico ruolo degli squali viene attribuito ai Piranha, versioni più piccole ma ancora più voraci degli squali stessi, anch'essi inclini ad impazzire quando percepiscono un po' di sangue: proverbiale è la scena di un gruppo di piranha che spolpa fino alle ossa uno sventurato animale o un umano caduti in acqua. Ancora una volta, questa fama è immeritata: i piranha [[It/VitaReale reali]] attaccano solo animali di piccola taglia oppure mangiano le carcasse di quelli grandi, ma non aggrediscono esseri umani vivi. Inoltre tendono ad essere mostrati [[It/NaturaNelPostoSbagliato in ogni paese tropicale]], mentre nella realtà essi vivono esclusivamente in Sudamerica.
[[/folder]]

[[folder:Insetti e simili]]
* '''Insetti in generale''': Nella It/VitaReale si tende a considerare i Mammiferi come "gli" animali per eccellenza, e perciò si riserva loro la considerazione maggiore. Gli Invertebrati invece si trovano all'altra estremità della nostra "scala dei viventi", e perciò tendono ad essere visti più come delle "cose" che come delle creature senzienti. Gli Insetti però costituiscono un'eccezione: la loro anatomia complessa come quella degli animali "superiori", e i loro comportamenti molto evoluti li rendono affascinanti agli occhi di molte persone nella It/VitaReale. Ed è così anche in finzione. Spesso gli insetti vengono immaginati come un "mondo parallelo" rispetto a quello in cui agiscono i cosiddetti "animali"; un mondo miniaturizzato e in parte nascosto alla vista di noi umani, ma che interagisce direttamente con il nostro. Un mondo dove letteralmente It/GliUmaniSonoChtulhu, così come sono Chtulhu ''tutti'' i vertebrati terrestri; un mondo dove persino un uccellino diventa un enorme Tirannosauro, e così via. I tipi più familiari di insetti hanno inoltre dei tratti di personalità ben specifici nelle storie di fantasia, e che tendono a rimanere molto costanti attraverso i vari autori. Nota però che in questa sezione non ci sono solo Insetti, ma un po' tutti gli invertebrati terrestri, anche se di solito [[It/RicercaNonSvolta tendiamo a chiamarli insetti indistintamente]]...

* '''Api''': Api, vespe e formiche sono forse gli insetti antropomorfizzati più di frequente, e tendono ad essere i protagonisti/antagonisti principali nelle storie degli insetti. Ciò è giustificato dal fatto che sono insetti sociali con comportamenti di gruppo estremamente elaborati. Le api hanno sempre affascinato l'uomo per la loro complessa organizzazione sociale; tale organizzazione può essere vista positivamente, come esempio di laboriosità e perfetta coordinazione, oppure negativamente, come la cosiddetta "mentalità dell'alveare" dove gli individui sono tutti fotocopie l'uno dell'altro e privi di personalità propria. Le operaie e una regina sono una presenza fissa nelle storie, mentre i fuchi (ossia i maschi) spesso non compaiono neppure. Da qualche tempo nei media americani le api tendono ad essere presentate con tinte più fosche, a causa della recente storia della diffusione in America delle "api killer".

* '''Vespe''': Le Vespe e i Calabroni sono tipicamente presentati come i [[It/GemelloMalvagio gemelli cattivi]] nonchè acerrimi nemici delle api, simili in tutto a loro, ma aggressivi e con un comportamento "soldatesco" e "irreggimentato". Spesso immaginate come tipi che pungono le persone per il puro piacere di farlo: classica la scena in cui qualcuno rompe per sbaglio un vespaio e viene inseguito da un [[It/ZergRush nugolo]] di vespe inferocite che lo pungeranno senza pietà (di solito la vittima si salva tuffandosi in acqua, così da costringerle alla resa). Ma ricordiamoci che nella realtà questi insetti di solito non pungono se non sono molestati, e possono essere di grandissima utilità all'agricoltura.

* '''Formiche''': Le Formiche vengono viste in modo piuttosto simile alle api nella cultura popolare, quindi laboriose e previdenti, oppure vittime dell'equivalente della mentalità dell'alveare. Di solito sono presentate come vegetariane, ma nella It/VitaReale ci sono anche specie carnivore: quindi possono anche essere mostrate come un esercito di "Attila" che distruggono tutto quello che incontrano (questo però è più spesso attribuito alle Termiti, vedi oltre). La loro forza viene spesso [[It/PortatoAllEstremo esagerata a dismisura]] nei cartoni animati, al punto che possono persino trasportare ''persone'' sul loro dorso. Oh, e se sei in un picnic, sta pur certo che ce ne sarà qualche migliaio pronte a rubarti i panini o la coca-cola.

* '''Termiti''': Così come le vespe sono le [[It/GemelloMalvagio gemelle malvage]] delle api, così le Termiti saranno quelle delle formiche (ad esempio, nel film ''A Bug's Life''). Ma nel mondo reale ''[[It/RicercaNonSvolta è esattamente il contrario]]'': sono le ''formiche'' a costituire le grandi nemiche delle termiti, e certe specie di formiche saccheggiano i termitai fino a distruggerne l'intera colonia. Le termiti dei cartoni sono tipicamente capaci di far crollare interi edifici di legno con le loro mandibole: anche se nella vita reale possono danneggiare le strutture di legno, certamente [[It/PortatoAllEstremo non possono davvero con una simile entità]]. Inoltre le termiti europee sono praticamente inoffensive.

* '''Farfalle / Falene''': Le farfalle sono da sempre simboli di grazia e di poesia, e spesso vengono associate a situazioni idilliache, ad esempio possono fare da contorno a scene romantiche con due giovani innamorati che corrono per il prato; nelle illustrazioni tendono ad avere [[It/NaturaColorata tutti i colori esistenti]] in un unico individuo, anche se nella It/VitaReale le singole specie hanno di solito uno o due colori di base appena. Se antropomorfizzate, di solito sono vanitose e perdono il loro tempo in cose futili, sono spesso femmine, e saranno ''sempre'' associate ai fiori. Questo a dispetto del fatto che molte specie di farfalle della realtà sono molto dannose all'agricoltura. Le falene (termine generico con cui si indicano le farfalle notturne e crepuscolari) vengono viste in modo simile, ma essendo, appunto, [[It/EsattamenteComeDiceLEtichetta notturne]], possono essere associate alla sfortuna o a situazioni paurose. Le falene sono anche note per la loro attrazione verso la luce, una caratteristica che le fa talvolta confondere con le Lucciole, che in realtà sono insetti molto differenti (vedi oltre).

* '''Libellule''': Anche le Libellule sono insetti completamente diversi dalle farfalle (tra l'altro, si distinguono per essere ''carnivore''). La reputazione delle libellule varia molto a seconda dei paesi: qui in Italia sono di solito graziose e leggere, mentre in inglese sono chiamate ''dragonfly'' ossia "mosche-drago"; in Spagna sono conosciute addirittura come "cavallini del diavolo"!. Quindi, possono essere presentate come dolci e simili a farfalle oppure come "pirati volanti" a seconda della provenienza degli autori.

* '''Grilli / Cavallette''' / '''Cicale''': Noti per i loro "canti", questi insetti spesso vengono visti come l'equivalente entomologico degli uccellini canori; quindi saranno allegri e vitali, oppure (per via della nota favola) frivoli e perdigiorno, o anche spendaccioni. I Grilli, se parlanti, saranno come il Gufo Saggio; quelli antropomorfi spesso suonano il violino (per via della somiglianza del movimento delle loro zampe con quello di un violinista umano). Le Cavallette, tuttavia, a causa della loro fama di "flagello dei raccolti", possono essere presentate in maniera negativa, come parassiti sociali o come degli "Attila" distruttori. (In realtà solo alcune specie di cavallette sono così pericolose per l'agricoltura). Attenzione però: le cicale, benchè normalmente vengano disegnate in modo identico ai grilli e cavallette, sono in realtà ''insetti completamente diversi'' nella It/VitaReale, più simili nell'aspetto a falene o a grosse mosche che a cavallette (di nuovo, It/RicercaNonSvolta...).

* '''Coccinelle''': Nel folclore europeo questi piccoli coleotteri sono dei portafortuna, particolarmente apprezzate dai bambini (e anche dagli orticoltori). Quelle della finzione saranno ''sempre femmine'' (perchè in inglese il loro nome è ''Ladybird'' o ''Ladybug'', ossia "insetto lady"). Coccinelle e farfalle vengono spesso mostrate insieme, ed entrambe verranno associate ai fiori; in particolare, le coccinelle sono associate alle rose.

* '''Scarabei''': Gli altri Coleotteri tendono ad essere generici in fiction, e vengono modellati sulle specie più grandi e/o comuni, in particolare lo Scarabeo e il Maggiolino. I vari tipi di coleotteri vengono chiamati genericamente '''Beetles''' in inglese; in italiano non esiste un sinonimo, ma i nostri doppiatori rimedieranno usando il termine [[It/RicercaNonSvolta scarabeo]] senza distinzioni. Molto popolari in fiction sono le [[It/RegolaDelFigo specie con appendici prominenti]], i "Cervi volanti" e gli "Scarabei cornuti" (o meglio, i ''maschi'' di questi insetti, poichè le femmine sono prive di quelle appendici). Attenzione a non confondere gli Scarabei con gli Scarafaggi, a dispetto del loro nome simile: questi ultimi non sono Coleotteri. La traduzione del nome del celeberrimo gruppo musicale dei '''Beatles''' come "gli Scarafaggi di Liverpool" fu un errore storico di noi Italiani, che poteva essere benissimo [[It/RicercaNonSvolta evitato]].

* '''Lucciole''': Strano ma vero: le Lucciole sono Coleotteri proprio come gli Scarabei e i Maggiolini! Le lucciole sono sempre associate con la poesia e con situazioni fiabesche, in particolare fanno da sottofondo a scene notturne di amore romantico. ''Sempre e solo'' i maschi sono rappresentati (nella It/VitaReale le femmine emettono anch'esse luce, ma non volano e assomigliano a ''vermi''.)

* '''Mosche / Zanzare''': Gli insetti più familiari nella vita di tutti i giorni, le mosche e le zanzare vengono di solito rappresentate in maniera realistica nelle storie di insetti. Naturalmente appariranno come tipi fastidiosi, dei quali si vorrebbe volentieri fare a meno; tuttavia, le mosche possono essere mostrate in alternativa come simpatiche, soprattutto quando finiscono vittime di un ragno, il quale le fa diventare [[It/QuantoContaUnNonBello "buone di conseguenza"]]. In generale, gli insetti infestanti tendono ad essere presentati in modo simile alle mosche/zanzare: scarafaggi, pulci, tarme, àfidi ecc. potranno quindi essere sia detestabili e repellenti sia personaggi gradevoli (o quanto meno, neutri).

* '''Mantidi''': [[It/{{Cazzuto}} Cazzute]]. Buone o cattive che siano, se stai accanto a una di loro in un film o racconto, sarai sempre in un rischio mortale. Il fatto interessante è che la gente tende ad amarle nonostante che gli autori le usino così spesso come antagonisti. Spesso presentate anche come "femmine fatali", per via del comportamento reale delle femmine che divorano il marito dopo l'accoppiamento (un comportamento spesso a torto descritto come "crudele", mentre in realtà è un atto indispensabile per far maturare le uova nel corpo della femmina). Le mantidi vengono anche associate con le Arti Marziali, grazie all'influenza degli autori asiatici (e anche grazie alla somiglianza delle loro "braccia" con quelle di un lottatore di karatè).

* '''Bruchi''': Di solito le larve d'insetto vengono considerate più come "cose" che come animali nella It/VitaReale. Esiste però un'eccezione, i bruchi di farfalla, che compaiono spesso nelle storie d'insetti. Il fatto che sono vegetariani li rende personaggi "buoni" nonostante che nella It/VitaReale [[It/SeNeSonoProprioFregati siano tra le larve più dannose all'agricoltura]]. Spesso sono dei tipi simpatici e divertenti; hanno un debole per l'insalata; sono di solito verdi e nudi (contrariamente alla realtà, dove possono essere molto pelosi e avere colori molto diversi dal verde); e camminano contorcendo il corpo ritmicamente (in realtà solo poche specie di bruchi si muovono in questo modo.)

* '''Millepiedi''': I Millepiedi e i loro parenti Centopiedi non sono Insetti bensì "Miriàpodi", ed entrambi verranno comunque chiamati [[It/RicercaNonSvolta Millepiedi]] a prescindere. Questi animali non hanno una personalità precisa in finzione: sostanzialmente vengono presentati solo per aggiungere ulteriore varietà al "mondo degli insetti". Comune è la gag di mostrarli con tante scarpe quante sono le loro zampe (il che crea seri problemi quando devono togliersele...)

* '''Ragni''': "I ragni non sono insetti!" è quasi un tropo a sè. Questi Aracnidi hanno un ruolo ben determinato nelle storie: sono pazienti tramatori di inganni, e il ruolo di antagonista per loro è quasi garantito. Gli autori di fantascienza sfruttano a iosa l'effetto di It/UncannyValley che questi animali possono generare a causa del loro aspetto singolare: il ragno è naturalmente uno dei classici modelli per enormi e terrificanti creature aliene. Se la storia ha come protagonisti insetti antropomorfi, allora ci saranno ottime probabilità che svolgano il ruolo del It/CattivoDesignato, ma siccome tendono a catturare personaggi buoni o cattivi senza distinzioni, possono anche trasformarsi in "giustizieri". I ragni detti "migali" (chiamati [[It/RicercaNonSvolta tarantole]] nei film americani) sono un punto fermo dei film horror e thriller, mentre le "vedove nere" hanno un'immagine più simile a quella delle Mantidi, ossia "femmine fatali". Ricordiamo sempre però che nella It/VitaReale i ragni sono di solito innocui, e sono anche straordinariamente utili (nei tropici salvano molte vite umane distruggendo insetti portatori di malattie gravi); Qui in Europa non esistono specie pericolose per noialtri; persino la proverbiale Tarantola è in realtà innocua, a dispetto delle credenze popolari.

* '''Scorpioni''': Sono da sempre considerati l'equivalente invertebrato dei Serpenti: quindi, malvagi e totalmente dediti a spargere morte e distruzione ovunque. Il loro destino in fiction è simile a quello dei loro cugini ragni: sono spesso trasformati in esseri giganteschi, e sono ''sempre'' nel ruolo degli antagonisti. Non vedrete '''mai''' degli Scorpioni buoni, nemmeno per sovversione (caso forse più unico che raro tra tutti gli animali). Nella It/VitaReale però gli scorpioni non sono così terribili come comunemente si pensa. È vero che sono velenosi, ma ''non pungono mai gli umani di propria volontà'', ma solo per autodifesa, quando si trovano senza vie di fuga. Non solo: gli scorpioni viventi in Italia hanno un veleno così poco potente da essere praticamente innocui per noi. Gli scorpioni vengono spesso associati al deserto, anche se nella realtà la maggior parte delle specie vivono nelle ''foreste tropicali''. Oppure vengono associati alla preistoria (questa volta però è It/VeroInTelevisione, perchè gli scorpioni sono realmente tra gli animali più antichi della Terra, comparsi molto prima dei dinosauri).

* '''Chiocciole / Lumache'''[[note]]Comunemente la parola lumaca indica la chiocciola, ma le "lumache" vere e proprie non hanno il guscio.[[/note]] Proverbiali per la loro lentezza, le Chiocciole sono un po' l'equivalente delle Tartarughe tra gli Invertebrati: quindi verrano mostrate come pazienti e sagge. Un classico è disegnarle con occhi alla base della testa, invece che in cima dei "cornetti" come nella It/VitaReale, per renderle più "umane". Gli autori le fanno mangiare sempre l'insalata (un fatto in parte It/VeroInTelevisione). Nelle storie per bambini la loro conchiglia può essere disegnata come una casa "letterale" con tanto di finestre. Le vere lumache compaiono molto più raramente, ed essendo prive di conchiglia e quindi più simili a vermi, possono interpretare personaggi più sinistri.

* '''Lombrichi''': C'è poco da dire: compaiono raramente, e al pari delle larve d'insetto vengono considerati più "cose" che animali (tipicamente vengono mostrati come esca per i pesci e poco altro).
[[/folder]]

[[folder:Invertebrati acquatici]]
* '''Invertebrati in generale''': Inutile negarlo: i Pesci tendono proprio a [[It/PesciNonDaCartone non essere considerati umanizzabili]] nelle storie di animali. Che dire allora degli Invertebrati acquatici? Essi hanno il difetto di essere [[It/EsattamenteComeDiceLEtichetta invertebrati e acquatici]] al tempo stesso: le conseguenze quindi possiamo trarcele da soli. Ecco perchè sono così pochi gli esempi di questa categoria. Molti di questi esseri non sembrano neppure animali nel loro aspetto. Per il senso comune, un "vero animale" deve avere:
## Una testa ben distinta dal corpo, con due occhi e una bocca ben visibili;
## Uno, due o più paia di zampe, e se acquatico almeno qualche pinna per muoversi;
## Deve avere un davanti e un didietro, con parte destra e sinistra simmetriche (per gli [[It/BonusPerIGeni addetti ai lavori]] stiamo parlando della "simmetria bilaterale");
## Deve muoversi con un minimo di velocità;
## Non deve essere troppo piccolo: la pulce può essere considerata il limite inferiore di dimensioni, se l'animale è ancora più piccolo allora verrà considerato un [[It/RicercaNonSvolta microbo]];
## Deve rispondere a tutti questi criteri: l'assenza di uno soltanto è ancora accettabile, ma due trasgressioni sono già troppe e il povero invertebrato non sarà più un animale ai nostri occhi, ma un semplice "coso".
* [[It/ListoneLungo Stelle marine, meduse, ostriche, spugne, ricci di mare, coralli, anemoni, oloturie, ascidie, balani, patelle, ofiure, gigli di mare, caravelle portoghesi, spirografi, briozoi, sanguisughe, planarie, nematodi, policheti, krill, copepodi, pulci d'acqua, ctenofori, sagitte, rotiferi e compagnia bella]] sono dunque semplici "cosi". In finzione queste creature potranno essere: 1) un semplice ornamento dei fondali (coralli, spugne, ricci e anemoni) o del mare aperto (meduse); 2) personaggi con occhi e bocca fittizi ma senza una personalità specifica (stelle marine, ostriche); 3) assenti (tutti gli altri). Gli unici invertebrati acquatici che riescono a "passare il test" sono i crostacei decàpodi (granchi, aragoste, gamberi e paguri) e i molluschi cefalòpodi (polpi, seppie, calamari e piovre). Anche se granchi, polpi eccetera hanno un aspetto abbastanza "strano" secondo i nostri canoni (e si muovono pure in maniera piuttosto insolita), essi riescono ancora ad apparirci come "veri animali" e sono gli unici Invertebrati Acquatici ad avere tratti di personalità ben determinati nelle storie subacquee.

* '''Granchi / Aragoste / Gamberi''': Nel senso comune i Crostacei comprendono soltanto questi animali, mentre in realtà sono solo alcuni dei numerosi tipi di crostacei esistenti; certamente sono quelli che ci sono più familiari. I Granchi sono di gran lunga i favoriti nelle storie di animali acquatici, mentre Aragoste e Gamberetti sono più rari e tendono ad essere realistici oppure un semplice "cibo". A differenza dei Ragni (ai quali somigliano nell'aspetto) i Granchi di solito non ci appaiono creature "ripugnanti", e quindi possono essere presentati come personaggi simpatici e intelligenti (famoso è l'esempio di Sebastian della Sirenetta). Di solito però i granchi tendono ad apparire come dei tipi [[It/{{Cazzuto}} cazzuti]] e sempre inclini a pizzicare qualcuno con le loro chele per il puro piacere di farlo (nella It/VitaReale usano le chele solo se ne sono costretti). Abbiamo poi il sottotropo del It/GranchioGigante, una sorta di macchina da guerra corazzata quasi irrefrenabile. Per i granchi (e anche per i polpi) esiste un po' il classico dilemma: creature intelligenti da proteggere o pietanze prelibate? Il caso del polpo Paul (ve lo ricordate? Fu nell'estate 2010, per i mondiali di calcio...) è un esempio eccellente del [[It/IlDilemmaDelCarnivoro DilemmaDelCarnivoro]] così frequente anche nella It/VitaReale. Le aragoste dei cartoni di solito non sono vere aragoste bensì Astici, con le loro grosse pinze; le aragoste propriamente dette non hanno chele, e non vengono quasi mai mostrate perchè [[It/RegolaDelFigo sono meno spettacolari]]. Un errore comunissimo è di dipingere i crostacei di rosso brillante ''anche quando sono vivi''; in realtà il tipico colore rosso viene assunto ''solo'' dopo che gli animali sono morti e cucinati (quando sono vivi possono essere di qualsiasi colore immaginabile [[It/RicercaNonSvolta tranne che di rosso acceso]])! I gamberetti, essendo piccoli, non compaiono quasi mai nelle storie (a parte i menù dei ristoranti). Ah, ancora una cosa: non è vero che i gamberi camminano all'indietro!

* '''Polpi / Seppie / Calamari / Piovre''': Spesso considerate gli esseri viventi più simili alla vita aliena: moltissimi invasori extraterrestri hanno delle forme che li ricordano. La presenza di occhi simili ai nostri in animali così diversi da noi può inoltre renderli vittime dell' It/UncannyValley. Insomma, i molluschi cefalopodi sono creature che hanno sempre suscitato in noi curiosità e terrore al tempo stesso, analogamente alle balene. E al pari delle balene, hanno ottenuto una rivalutazione nella nostra epoca: la classica immagine di "mostri marini" sembra ormai una cosa [[It/TropoScreditato del passato]], e i polpi dei cartoni animati appaiono come personaggi simpatici e gradevoli, spesso secondi solo ai delfini come popolarità presso il pubblico. Il corpo tondeggiante del polpo viene regolarmente scambiato dai non-esperti per la testa dell'animale: i disegnatori naturalmente si adeguano, e nei cartoons i polpi hanno ''sempre'' [[It/RicercaNonSvolta un testone enorme e tondo rivolto verso l'alto]], ''senza alcuna eccezione''. Le seppie e i calamari, essendo più piccoli, spesso non compaiono neppure (a parte i ristoranti, naturalmente...). Infine abbiamo le piovre giganti: creature semileggendarie che in molti racconti antichi e moderni affondano navi, divorano equipaggi o lottano contro squali e balene. In genere le piovre della finzione assomigliano più ad enormi polpi che ai calamari giganti della vita reale. Comunque, tutti i cefalopodi, grandi o piccoli, spruzzeranno inchiostro per autodifesa, anche se di solito nei cartoons lo spruzzano ''[[WaterIsLikeAir a gocce]]'' invece di emetterlo in una "nuvola di fumo" come accade nella It/VitaReale.
[[/folder]]

Praticamente ogni storia di [[It/AnimaleBuffo Animali Buffi]] userà sempre questi cliché. Per i tratti di personalità dei It/{{Babbani}}, vedi It/MorireComeAnimali e It/LottaPerLaSopravvivenza.

La versione inglese dell' It/AltraWiki ha tentato di creare la sua propria versione di questa pagina. [[http://en.wikipedia.org/wiki/Stereotypes_of_animals Decidi tu quanto è buona.]]

E oh. Sta attento al It/JingoismoAnimale, sia esso [[It/{{Flanderizzazione}} accidentale]] oppure [[It/AutoreABordo intenzionale]].
----
[[source:En:AnimalStereotypes]]